italy

Clean-ex per curare il morbo dell’ex

speed-date                                       

Modulo primo.

Riconoscere la patologia.
Bene donne, prima di cominciare a leggere seriamente tutto ciò che scriverò in questo pezzo munitevi di:
Una poltrona molto comoda.
Un sacchetto di carta per respirarci dentro in caso di panico.
Un pacco di sigarette, consigliato anche a chi non fuma, vi verrà voglia ma lo userete solo per strizzarlo come oggetto antistress.
La foto della persona che amate, frequentate o desiderate.
Un drink o tisparampampoliana per le astemie (con un po’ di whisky è meglio, anche per la tisana)

 

 

Ecco, adesso siete pronte.

Siamo tutte, o lo siamo state, affette dal morbo dell’ex, morbo che purtroppo si presenta sotto diversa natura e ceppi. Studi scientifici dimostrano che la malattia nasce, si sviluppa e si conclama tendenzialmente sempre nello stesso modo.

Mi spiego.

Se veniamo lasciate e decidiamo di rifarci una vita lui/lei si ripresenterà con un tempismo da centometrista, stessa cosa accadrà se ci piace qualcuno, l’ex di questa persona si presenterà con lo stesso identico tempismo.

Oggi, ve lo dico come lo direbbe Luciano Onder a Medicina 33, parleremo del secondo caso, quello in cui ci piace qualcuno che è ancora affetto dal morbo dell’ex, nel senso che non riesce a staccarsene manco fosse un chewing gum sotto la suola delle sneakers.

Nell’immaginario comune l’ex è quell’animale mitologico dotato di perfezione assoluta, che però non si sa il perché ci hragione-e-sentimento-1a fatto soffrire in amore come le sorelle Elinor e Marianne Dashwood di Ragione e Sentimento messe insieme, manco fossimo rimaste incastrate in un romanzo di Jane Austen per l’appunto.

 

Ci siete? Adesso ascoltatemi bene, io Dottoressa La Monaca ho sviluppato un piccolo test da somministrare alla persona che vi interessa, fondamentale è farlo prima di iniziare a frequentarla per capire il livello del morbo.

Test:

Da quanto tempo vi siete lasciati senza ritorni di nessun tipo?

Se la risposta è “meno di  un anno”, alzatevi e andate via fingendo di aver scordato la piastra per capelli accesa e con in giro per casa il vostro barboncino francese, sottolineate che a voi gli animali a pelo lungo non piacciono.
In caso contrario rimanete sedute.

 

Siete rimasti in buoni rapporti?

Se vi risponderà “Sì ci vediamo il martedì per la partitella di  squash e il giovedì per il cinema” salutatelo e ditegli che avevate dimenticato la partita all’Xbox  del venerdì col vostro ex e amen.
In caso contrario ordinate un altro drink.

 

“Cosa ti piaceva della tua ex?”

Se la risposta è che gli piaceva il suo modo di cucinare, le passeggiate e comincia a raccontarti come si sono conosciuti, versati addosso il drink e digli che sei una fashion victim e non puoi permetterti di stare in giro per locali così conciata perché hai paura passi la Ferragni, tuo idolo indiscusso.
Se risponde “appartiene al passato, parliamo di te…”  ordina l’ennesimo drink e fissa il prossimo appuntamento con lui/lei!