rubriche

Gli ottantenni lo fanno meglio

coppia sesso anziani

La notizia è di quelle bombe che fanno tremare i polsi e spalancare gli occhi nell’espressione del “Porcaputtana!”

Una ricerca dell’University of Manchester pubblicata dal Times, certifica che gli ottantenni hanno una vita ed un’attività sessuale migliore e più esuberante dei cinquantenni.

A parte la curiosità di capire cos’abbia spinto i ricercatori inglesi ad indagare le zone erogene dei loro nonni, mi piacerebbe sapere se questo valga solo per gli old people british, o se sia valido anche alla nostra latitudine, considerando che stiamo diventando il Paese più vecchio della vecchia Europa.

Perché se i vegliardi made in England sono così arrapati nonostante il clima più piovoso e avvilentemente grigio del pianeta, figuriamoci come potrebbero essere gli anziani di Villa Arzilla, poniamo sulla Costiera amalfitana, o quelli che passeggiano sul lungomare di Trapani ad agosto, per dire.
Roba da scatenare non solo la Buoncostume, ma anche quelli di Youporn in missione nuove categorie.

cocoon_4

Ma non divaghiamo…
La ricerca scientificamente elaborata, ci rende edotti sul fatto che le ottantenni raggiungono facilmente un alto stato di eccitazione, e i loro partner ci danno dentro come pistoni ben oliati per soddisfarle al di là di ogni ragionevole dubbio.

Zero simulazioni, solo orgasmi certificati dai salmi intonati dalla nonna, dagli olè del nonno e dalle lamentele invidiose dei vicini cinquantenni.

Senza possibilità di mettere in dubbio neanche una virgola del rigoroso studio portato avanti a colpi (è il caso di dirlo!) di interviste e osservazioni sul campo, suggerirei ai dottorandi di Manchester di spingersi oltre, per continuare ad esplorare gli inediti scenari che si aprono.

Qui c’è fior fior di materiale per reinterpretare e guardare con pupille nuove tutta una serie di comportamenti e metodiche che assumono all’improvviso significati inaspettati.
Per esempio:

Gli anziani sulle panchine dei centri commerciali, sono lì per il condizionatore d’estate e il riscaldamento d’inverno o per lumare possibili partner da spupazzare sveltinamente nell’ascensore tra il piano store e quello parcheggio carrelli ?

E quelli che stazionano sui cantieri, sono interessati a come si posa una fibra ottica di ultima generazione, o ripassano la tecnica del martello pneumatico in vista del post serata al bingo?

Quelli o quelle che si fanno trascinare per mano dai nipotini ai giardinetti, si stanno servendo di innocenti virgulti come specchietti per le allodole allo scopo di rimorchiare coetanei posizionati sulle panchine per farsi rimorchiare?

E a quanti frequentano i corsi dell’Università della Terza Età, interessa di più il corso di Ginnastica Dolce anti artrosi o quello del Sesso Tantrico per trombare sei ore filate meglio di Sting (perché lui mica li ha ancora 80 anni)?

Quelli in coda alle Poste, nelle sale d’aspetto mediche o alle casse del super, hanno sempre una fretta maledetta perché devono tornare a casa per il chupa chupa dance pomeridiano ?

In attesa di riposte e riscontri dai dottorandi very british, mi sento solo di darvi un consiglio in nome e a conferma della scienza.

Se vi capitasse di piombare senza preavviso in casa dei nonni, e trovaste in soggiorno la nonna un po’ spettinata che sferruzza candidamente e il nonno che sonnecchia fintamente con fare marpione sul divano, buttate un occhio in camera da letto.
Due siga ancora accese sul comodino, un busto lombare discintamente sul pavimento e il Salvalavita Beghelli lanciato e rimasto appeso al lampadario di Murano ricordo del viaggio di nozze, saranno lì a ricordarvi che quelli di Manchester non raccontano palle.

I vostri nonnetti rientrano a pieno titolo nella categoria finché c’è vita c’è patonza.

E se è vero che l’amore non ha età, anche il Kamasutra non scherza.coppia sesso anziani

La notizia è di quelle bombe che fanno tremare i polsi e spalancare gli occhi nell’espressione del “Porcaputtana!”.

Una ricerca della University of Manchester, pubblicata dal Times, certifica che gli ottantenni hanno una vita ed un’attività sessuale migliore e più esuberante dei cinquantenni.

A parte la curiosità di capire cos’abbia spinto i ricercatori inglesi ad indagare le zone erogene dei loro nonni, mi piacerebbe sapere se questo valga solo per le british old people o se sia valido anche alla nostra latitudine, considerando che stiamo diventando il Paese più vecchio della vecchia Europa.

Perché, se i vegliardi made in England sono così arrapati nonostante il clima più piovoso e avvilentemente grigio del pianeta, figuriamoci come potrebbero essere gli anziani di Villa Arzilla, poniamo sulla Costiera amalfitana, o quelli che passeggiano sul lungomare di Trapani ad agosto, per dire.
Roba da scatenare non solo la Buoncostume, ma anche quelli di Youporn in missione nuove categorie.

Ma non divaghiamo.
La ricerca scientificamente elaborata ci rende edotti sul fatto che le ottantenni raggiungono facilmente un alto stato di eccitazione e i loro partner ci danno dentro come pistoni ben oliati per soddisfarle al di là di ogni ragionevole dubbio.

Zero simulazioni, solo orgasmi certificati dai salmi intonati dalla nonna, dagli olè del nonno e dalle lamentele invidiose dei vicini cinquantenni.

Senza possibilità di mettere in dubbio neanche una virgola del rigoroso studio portato avanti a colpi (è il caso di dirlo!) di interviste e osservazioni sul campo, suggerirei ai dottorandi di Manchester di spingersi oltre, per continuare ad esplorare gli inediti scenari che si aprono.

Qui c’è fior fior di materiale per reinterpretare e guardare con pupille nuove tutta una serie di comportamenti e metodiche che assumono all’improvviso significati inaspettati.
Per esempio:

Gli anziani sulle panchine dei centri commerciali, sono lì per il condizionatore d’estate e il riscaldamento d’inverno o per lumare possibili partner da spupazzare sveltinamente nell’ascensore tra il piano store e quello “parcheggio carrelli”?

E quelli che stazionano sui cantieri sono interessati a come si posa una fibra ottica di ultima generazione o ripassano la tecnica del martello pneumatico in vista del post-serata al Bingo?

Quelli o quelle che si fanno trascinare per mano dai nipotini ai giardinetti si stanno servendo di innocenti virgulti come specchietti per le allodole allo scopo di rimorchiare coetanei posizionati sulle panchine per farsi rimorchiare?

E a quanti frequentano i corsi dell’Università della Terza Età interessa di più il corso di Ginnastica Dolce antiartrosi o quello del Sesso Tantrico per trombare sei ore filate meglio di Sting (perché lui mica li ha ancora 80 anni)?

Quelli in coda alle Poste, nelle sale d’aspetto mediche o alle casse del super hanno sempre una fretta maledetta perché devono tornare a casa per il chupa chupa dance pomeridiano ?

In attesa di riposte e riscontri dai dottorandi very british, mi sento solo di darvi un consiglio in nome e a conferma della Scienza.

Se vi capitasse di piombare senza preavviso in casa dei nonni e trovaste in soggiorno la nonna un po’ spettinata che sferruzza candidamente e il nonno che sonnecchia fintamente con fare marpione sul divano, buttate un occhio in camera da letto.
Due siga ancora accese sul comodino, un busto lombare discintamente sul pavimento e il Salvalavita Beghelli lanciato e rimasto appeso al lampadario di Murano, souvenir del viaggio di nozze, saranno lì a ricordarvi che quelli di Manchester non raccontano palle.

I vostri nonnetti rientrano a pieno titolo nella categoria “finché c’è vita c’è patonza”.

E se è vero che l’amore non ha età, anche il Kamasutra non scherza.