rubriche

Googolare: come (non) rovinarsi il divertimento.

settimana enigmistica

Era una serata all’insegna del cazzeggio insieme al mio fidanzato. Una serata del tipo: “niente sesso, siamo British, bitches!”, così, abbiamo provato a fare: le Parole Crociate.

Sì, proprio loro.  Quelle storiche.  Quelle a quadretti bianche e nere.

L’Enigmista, non mi fai paura! Certo, quello del film parecchia, ma di questo ne parliamo un’altra volta.

Ora, parliamo della Settima Enigmistica classica, l’avete tutti presente, no? Quella con le barzellette, quella del “trova le differenze tra due disegni quasi perfettamente uguali ad eccezione di 7 particolari”. Ecco, lì, do il meglio di me: 6 particolari in meno di 5 minuti, ma vi rendete conto? Sono un toro.

Ho capito che i particolari sono sette ed io ne trovo sei, ma il settimo non si trova mai. Mai. Ma proprio mai. Anzi, forse, non esiste nemmeno.

La Settimana Enigmistica è un modo per rilassarti, mica per irritarti di più di quello che sei già, pertanto, può diventare la Settimana Enigmistica del “vado a vedere la soluzione a pagina 58 e non se ne parli più!”.

Improvvisamente scopri un mondo: GOOGLE.

Inserendo, nel motore di ricerca, anche solo una parte della definizione che andiamo cercando, possiamo notare che, a metà della stessa, esplode la soluzione!

SBEM BEM!

Provate:

16.Orizzontale: evitano le sfilacciature, quattro lettere. ORLI!

Ma non è detto che ti venga in mente subito, chessò, non ti viene… niente di niente. Capita, e allora che fai?

Vai su google e digiti: evitano le sfil… ORLI !

SBEM BEM!

Da quella sera è passato qualche giorno, avevo giusto buttato giù qualche appunto per questo articolo, non avevo in mente una chiusa divertente, mi aveva divertito tutta la scoperta in sè.

Un pezzo, però, ha bisogno di una chiusa, così, mi è venuto in aiuto il figlio di un’altra Syndrome, chiamato PB, ha finito a giugno la scuola materna, non l’università.

Ecco. Io l’ho visto con i miei occhi: in una foto stava facendo le Parole Crociate, a matita, senza aiuto della mamma e senza Google.

Ecco.

Enigmiste? Siamo fottute.