italy

Le mirabolanti avventure di un’impiegata delle Poste

edna incredibili

impiegata

edna incredibili

Tutta la mattina i potenti mezzi tecnologici di Poste Italiane hanno avuto problemi di rete, che in buona sostanza vuol dire: funziono forse e faccio quello che mi pare.

Quindi, uno sportello, un minuto poteva fare tutto ed un minuto dopo, nulla.

Alla mia postazione arriva una cliente come tante. Provo a pagarle un bollettino e un messaggio di errore lampeggia felice sullo schermo.

“Signora, mi spiace” dico “proviamo ad un altro sportello… ”
“Allora NON VUOLE pagarmela?”

Ora, una povera donna che va in ufficio alle 8:00 del mattino perché, ditemi, perché deve sopportare simili domande?

Sono questi i momenti in cui mi piacerebbe trasformarmi in una super eroina: tutina blu con bordi gialli, mascherina per non essere riconoscibile, una penna come arma e un bollettino come scudo.
La paladina delle file, la giustiziera dei clienti puntigliosi, la punitrice mascherata di quelli impazienti, che pensano che una si diverta a imprecare davanti a un computer non funzionante.
Se riuscissi a trasformarmi, scavallerei agilmente la mia scrivania – perché no, non avrei la sciatica e sarei anche parecchio atletica – e prenderei la cliente che ho davanti a bollettini in faccia, sillabando a caso gli insulti, come facevano le mamme di una volta quando ti sculacciavano: “Co-me-te-lo-de-vo-di-re-ch-e-no-n-è-col-pa mi- a-se-non-fun-zio-na?”
Stesso sistema per quelli a cui ripeti “pin e tasto verde” e niente, loro spengono il cervello dopo la parola pin e restano a fissarmi. Anche lì, scavallarei la scrivania, mi ritroverei a molleggiare davanti a loro con sguardo satanico e gli mostrerei il tasto verde dopo averli presi a Pos in faccia.

E invece niente. Resto la solita mirabolante impiegata che, come unica arma ha, per ora, un minimo di autocontrollo e un minimo di autoironia.

Così, in casi come quello di stamattina, propongo sempre ai miei clienti il modello di reclamo e l’invito a mandarlo all’AD.

AD che però, in questi casi, non vuol dire: Amministratore Delegato ma Avanti, Dritto e andate a Fanc…

P.S. l’autrice deve lavorare altri 15/18 anni e non desidera essere trasferita nel Gennargentu.