italy

Syndrome Magazine: la piattaforma globale di comedy al femminile.

ciao praga

COVER 210X285 copia (1)Humor has the properties of a liquid. It adapts to its container, reflects its colors, and even absorbs its temperature.

Humor mirrors society, as well as culture, geography, language and, last but not least, gender.

Satire feeds on humor and uses it as a tool to spark reactions to institutional points of view it considers weak or wrong.

Traditionally, satire magazines have criticized social customs, flowering out of a seed of politics at the core, shaking up the meaning of historical events to give them a new face, stripping the hypocrisy from stereotypes and even challenging censorship.

It is a powerful art to shine light on the wrongness of certain behaviors and the problems they cause, revealing their humor and absurdity. It’s a way to reach the masses and sometimes even to move their consciences.

wtf

Satirical points of view and their targets have long been male-dominated.

Language and humor adapted, delighting in double entendres and comments such as “Sorry, Ma’am, I didn’t notice you were in the room.”

Then came a day in 2011.

A group of women started to write satire on a Facebook page, collecting jokes and humorous commentary, using it as a place to experiment with new forms of writing. Without even having met, they created a virtual synergy with a shared principle: laughter has the power to unite people.

Three female friends laughing at breakfastEven more than being on the front lines together or going through a painful experience, laughter is the social glue that makes solidarity possible. Plus, it’s a whole lot more fun.

These women weren’t the first ones to realize how things have been in Italy.

Humor had already recently shown its new face thanks to brilliant actresses and journalists. What’s new is not just women joking about the reality they live in, as they can look at themselves from the outside and make fun of their own mistakes and shortcomings; it’s that women’s satire becomes a tool to use across a full spectrum.

As it always does in times of turmoil, language is evolving, as we play with male stereotypes, perhaps parroting an outdated communication style, laughing at clichés, and maybe offering up some unexpected new strategies.

Ladies Support CorsetIt is time to cut the laces off those constricting old corsets. It is time to change the image of women that we are sick of, and so are those men who are no longer entrenched in the last thirty years of showgirls and pinups.

What had been missing was strength in numbers, a voice that expressed more than just an individual opinion, but a many-voiced discussion.

Meanwhile, the original group moved their conversations to a secret Facebook page called “the “kitchen”, a social place where creativity thrived and we could talk over glasses of wine.

Words flew beyond the walls of the home and burst past the barrier of the internet. The group finally met in person, and it was love at first sight, or something much better: the wonderful impression of having eyes that see, mouths that speak and ears that listen…together.

The meetings became more frequent, always fueled by food and drinks, no matter the calories — after all, work needs sustenance. Syndrome was born.

Women supposedly always have a syndrome of some sort: pre-menstrual, post-partum, sexual arousal, or whatever.

For those “syndromes” thought of as sentimentalism, weakness, and the inability to reason, the magazine offers the perfect medicine: laughing about it. And then it is no longer an excuse for exclusion or submission.

Our motto is: We are the Syndrome, and we are the cure.

Jasmine-323x323The editorial project came to be because of the participation of a special woman in the group. She is an Iranian poet and journalist, and political activist who puts herself on the front lines to report life in her country.

Despite suffering repeated violence and arrests, she keeps her humorous, often ironic voice, well aware that satire has an unconventional power to express dissent.

The newspaper where she worked has been closed and the entire staff arrested. After being subjected to many trials and convictions, she’s currently awaiting her most recent sentence and is under house arrest and forbidden from publishing on any social media.

She sends her articles to Syndrome under a pseudonym but with a photo of her with no veil published on the website.

How many women are there with so much strength, so much courage, so much desire to be heard?

The answer is in the number of contributors to Syndrome, which grows daily at the same rate as the number of new readers.

syndromeThe Syndrome project, which started out with satirical observations and jokes, has burgeoned through a powerful presence on all the social platforms.

The graphic format is pink, a feistier shade of fuchsia, with a black slash in the background that might bring to mind Lucio Fontana’s famous cut canvas pieces (or who knows what else).

In 2016, the project finally took its ultimate form. Syndrome Magazine appeared online and the first issue of a printed version was published.

The magazine is made up of multimedia resources and reading categories: up-to-date news of the day, traditionally “feminine” columns “with a twist,” and articles from international blogs by writers whose eyes are on the world.

editorial stuffThe editorial staff is multi-faceted.

There are doctors, journalists, lawyers, actresses, employees, housewives, mothers, and singles by choice.

There are many realms of expertise and many brains, women of diverse ages and sexual orientations, retired women, professionals and students.

charlie-323x323There’s a very powerful core, the founder, who inspires and holds the group together, encouraging, and guiding it. She scolds and slaps wrists but always with a loving word: Charlie Syns. Without her, this mountain would never have been moved.

In the “kitchen” they all spend long hours up until late at night working on ideas, sharing input for articles and satirical jokes, often fitting together the schedules of two jobs.

“I like having this ‘Syndrome’, spreading it, recognizing it in other people (even men!)”, says one of the writers when asked about what the project means to her. “We all need to be infected with creativity, the desire to make a change and express ourselves. To me, the magazine is the right balance between structure and free expression, dialogue and discussion.

It’s a chance to build the kind of world I want to live in.

The original article in Italian by Silvia Bajardi
is available on Vol 5 #CIAOPRAGA, p.124
https://issuu.com/ciaopraga/docs/ciaopraga_05

Syndrome Magazine storyCOVER 210X285 copia (1)Il senso dell’umorismo ha le proprietà di un liquido: si adatta a un contenitore, ne riflette i colori, spesso ne assorbe persino la temperatura. Rispecchia, in poche parole, non solo la società, ma la cultura, il paese, la lingua e, non ultimo, il genere sessuale.

La satira si nutre di senso dell’umorismo, ma lo utilizza come strumento per stimolare una reazione rispetto a un punto di vista istituzionale che si considera come debole o fallace.

Tradizionalmente i giornali di satira hanno criticato i costumi, sono fioriti attorno al nocciolo duro della politica, hanno strapazzato le vicende storiche offrendone un volto diverso, spogliando gli stereotipi dall’ipocrisia e sfidando persino la censura.

Mettere in luce le carenze di certi comportamenti e le problematiche che ne derivano in modo che risultino assurde, persino divertenti, è un’arte potentissima: non solo consente di raggiungere le masse, ma spesso ne smuove le coscienze.

Il punto di vista, però, è rimasto a lungo tempo di appannaggio maschile, così come i settori a cui veniva applicato. Il linguaggio e lo humour si sono adeguati, infarciti di doppi sensi e: “Pardon, signora, non mi ero accorto che era presente”.

Fino a un pomeriggio del 2012.

Three female friends laughing at breakfastTra di loro si crea internamente una sintonia virtuale accomunata da una consapevolezza: la risata unisce. Come e più che al fronte o in seguito a un’esperienza dolorosa, ridere agisce come un collante che crea coesione e solidarietà. Ma è immensamente più piacevole.

wtfNon sono le prime ad accorgersene in Italia. Il concetto di ironia aveva già mostrato una nuova versione al femminile grazie ad attrici come la Littizzetto o giornaliste come la Lucarelli, per menzionarne solo due tra le più celebri.

La novità non è solo la donna che sa scherzare sulla realtà in cui è immersa, ma la sua capacità di osservarsi con un occhio esterno in modo autocritico e dialettico, facendo leva sui propri errori o difetti. La satira femminile, in questo senso, è uno strumento che funziona a 360°.

Come in ogni fase di grande fermento, la lingua evolve: prende di petto gli stereotipi maschili, ne scimmiotta il linguaggio, ride dei cliché.
Soprattutto, sorprende.

Ladies Support CorsetL’obiettivo è strappare i laccetti a un’immagine di donna che soffoca come un corsetto di altri tempi, e che ha stufato non solo il pubblico femminile, ma i molti uomini che non sono più (o esclusivamente) arroccati all’ultimo trentennio di veline e soubrette.

Mancava ancora la forza del numero, una voce che fosse corale e non solo l’espressione di una visione individuale.

Si mette in piedi una palestra rosa all’interno di una pagina definita la “cucina”, un luogo conviviale che stimola la creatività e dove ci si può raccontare tra un bicchiere di vino e l’altro.

Dopo un anno le parole volano oltre le mura domestiche e sfondano i cavi di Internet: il gruppo finalmente si conosce di persona. È amore a prima vista, anzi, molto meglio: la percezione positiva di avere occhi che vedono, bocche che parlano e orecchie che ascoltano. Insieme.

Gli incontri si infittiscono, sempre all’insegna di cibo e aperitivi, e alla faccia delle calorie. In fondo il lavoro ha bisogno di essere sostenuto. Nasce Syndrome.

L’idea è che alle donne è sempre attribuita una sindrome di qualche genere: pre-mestruale, post-partum, dell’astinenza sessuale.

Jasmine-323x323Alla “sindrome” intesa come sentimentalismo, fragilità e incapacità di ragionamento la rivista propone una medicina perfetta: riderci su. Perché non sia più un pretesto di esclusione o sottomissione. Il motto è: Noi siamo la Syndrome, e siamo la cura.

Il progetto editoriale scaturisce dalla presenza nel gruppo di una donna con una storia speciale. Poetessa e giornalista iraniana, attivista politica, si espone in prima linea per raccontare la vita nel suo paese e il regime che lo affligge.

Le violenze subite e i ripetuti arresti non le impediscono di mantenere una voce ironica, spesso tagliente, nella consapevolezza del potere di resistenza della satira in quanto mezzo espressivo non convenzionale. Il giornale per cui collaborava è stato chiuso, tutta la redazione arrestata.

Dopo vari processi e condanne, ora è in attesa dell’ennesima sentenza e ai domiciliari con il divieto di pubblicare su qualsiasi social. Manda gli articoli per Syndrome con mezzi da spionaggio russo, sotto pseudonimo, ma con la sua foto senza il velo pubblicata sul sito.

Il pensiero è stato: quante donne ci sono nel mondo con questa forza? Questo coraggio? Questo desiderio di farsi ascoltare?

La risposta si sta componendo di nuove collaboratrici ogni giorno. E di nuove lettrici.

syndromeIl progetto Syndrome, partito con battute di satira, è cresciuto prestissimo con una forte presenza sulle piattaforme social. Il formato grafico è rosa, anzi un fucsia più grintoso, con un taglio nero sullo sfondo che ricorda la tela di Fontana (o forse altro, chi lo sa).

Ma è dal 2016 che, finalmente, il progetto si configura nella sua interezza. Nasce Syndrome Magazine.

La rivista si compone di risorse multimediali e categorie di lettura: notizie fresche di giornata, rubriche femminili “rivisitate”, ma anche articoli estratti da blog di scrittrici internazionali con un occhio sul mondo.

editorial stuffLa redazione è composita. Ci sono medici, giornaliste, avvocati, attrici, impiegate, casalinghe, mamme e single convinte. Mille professionalità e mille teste, donne di tutte le età e orientamento sessuale, in pensione, professioniste o studentesse.

charlie-323x323C’è un’anima fortissima, la fondatrice, che ispira e tiene insieme il gruppo, incita e guida, sgrida e tira bacchettate ma sempre con una pacca amorevole: Charlie Syns. Senza di lei, la montagna non si sarebbe smossa, Maometto starebbe ancora a casa sua.

In “cucina” si trascorrono le ore fino a notte fonda elaborando idee, condividendo spunti per articoli e battute, spesso accavallando gli orari di due professioni diverse.

Mi piace avere la Syndrome, diffonderla, riconoscerla in altre persone (anche uomini!).” ha detto una delle scrittrici, interrogata sul senso del progetto. “Abbiamo bisogno di essere infettati da creatività, voglia di fare e di esprimersi. Per me la rivista rappresenta uno spazio di libera espressione, di incontro e di confronto. Una possibilità di costruire quel tipo di mondo in cui mi piacerebbe vivere.”

L’articolo originale di Silvia Bajardi
disponibile su Vol 5 #CIAOPRAGA, p .124
https://issuu.com/ciaopraga/docs/ciaopraga_05

Syndrome Magazine storyo di mondo in cui mi piacerebbe vivere.”