europe

Felicità… È un bicchiere di vino in un bicchierino… La felicità!

Gli uomini comprano più vino delle donne.
Sbagliato. A fare la spesa ci andiamo noi, vivande e bevande le compriamo sempre noi. Che poi voi, talvolta, le raccogliate dal fondo della scalinata per portarle in casa, è un altro paio di maniche: ma lo scontrino è in tasca nostra!

Le donne bevono solo bianchi e vini dolci.
Sembra che si stia parlando di gazzosa. La morfologia del corpo femminile è cambiata, non solo ci sono cresciute le palle, ma è mutato anche il palato, rassegnatevi.
Gli uomini bevono il vino e le donne lavano i bicchieri.
Mettiamola così, lo beviamo anche noi, e sulla questione dei bicchieri stendiamo un velo, anzi, un canovaccio, PIETOSO. Come su tutte le altre stoviglie.
Le donne non sanno come comprare il vino.
Come no? Scegli l’etichetta, lo metti nel carrello, paghi.
Il vino fatto dalle donne è per le donne.
Basta con ‘ste baggianate, il gusto è individuale e non è influenzato dalle ovaie, lo dimostrano studi universali condotti su bottiglie a etichetta bendata, è che vi rode il fatto che stiamo diventando molto competenti sia a farlo sia a berlo. Rassegnatevi!
Il vino è un comparto molto maschile.
In Svezia, Russia e Giappone le sommeliers sono l’80 per cento, RIPETO, ottanta. Degustare un vino non è appannaggio solo maschile come alzare un bilancere pesante o fare la pipì in piedi: ci vogliono passione, gusto e dedizione, un po’ come a fare un pompino, e se permettete…

Le donne non sono “avventurose” in fatto di vini.
Errore, ci buttiamo nelle storie più complicate, innamorandoci perdutamente di stronzi, mammoni, narcisi e poligami, alla fine scegliere l’abbinamento di un vino è ‘na passeggiata di salute.
Le scelte delle donne sono più futili.
Quando mai abbiamo messo lo smalto rosso alle mani e nero ai piedi contemporaneamente? Il vino ci accompagna amabilmente anche nelle serate di solitudine, di gioia con le amiche, ci agevola nelle cenette tete a tete organizzate a sorpresa per il nostro uomo, il vino è ‘na filosofia, mica un foulard o un portachiavi!

Le donne comprano a caso e in modo impulsivo.
E che dire di come gli uomini comprano le mutande, i guanti da cucina o le tende di casa? Loro possono fare acquisti alla cazzo e noi no? Ci siamo affinate, e questo je rode, mentre continuano a comprare i calzini bianchi e abbinarli a sandali e mocassini come i crucchi.

Le donne che bevono vino sono molto sicure di sé.
Eh no, miei cari… È che per convincervi che siamo determinate dobbiamo sempre fare finta di imitarvi, tirar fuori le palle e fare le dure e, comunque, state certi che non beviamo vino per imitarvi: casomai per dimenticarvi.uomo donna bibite

1.
Gli uomini comprano più vino delle donne.

Sbagliato. A fare la spesa ci andiamo noi, vivande e bevande le compriamo sempre noi. Che poi voi, talvolta, le raccogliate dal fondo della scalinata per portarle in casa, è un altro paio di maniche: ma lo scontrino è in tasca nostra!

2.
Le donne bevono solo bianchi e vini dolci.

Sembra che si stia parlando di gazzosa. La morfologia del corpo femminile è cambiata, non solo ci sono cresciute le palle, ma è mutato anche il palato, rassegnatevi.

3.
Gli uomini bevono il vino e le donne lavano i bicchieri.

Mettiamola così, lo beviamo anche noi, e sulla questione dei bicchieri stendiamo un velo, anzi, un canovaccio, PIETOSO. Come su tutte le altre stoviglie.

4.
Le donne non sanno come comprare il vino.

Come no? Scegli l’etichetta, lo metti nel carrello, paghi.

5.
Il vino fatto dalle donne è per le donne.

Basta con ‘ste baggianate, il gusto è individuale e non è influenzato dalle ovaie, lo dimostrano studi universali condotti su bottiglie a etichetta bendata, è che vi rode il fatto che stiamo diventando molto competenti sia a farlo sia a berlo. Rassegnatevi!

6.
Il vino è un comparto molto maschile.
In Svezia, Russia e Giappone le sommeliers sono l’80 per cento, RIPETO, ottanta. Degustare un vino non è appannaggio solo maschile come alzare un bilancere pesante o fare la pipì in piedi: ci vogliono passione, gusto e dedizione, un po’ come a fare un pompino, e se permettete…

7.
Le donne non sono “avventurose” in fatto di vini.

Errore, ci buttiamo nelle storie più complicate, innamorandoci perdutamente di stronzi, mammoni, narcisi e poligami, alla fine scegliere l’abbinamento di un vino è ‘na passeggiata di salute.

8.
Le scelte delle donne sono più futili.

Quando mai abbiamo messo lo smalto rosso alle mani e nero ai piedi contemporaneamente? Il vino ci accompagna amabilmente anche nelle serate di solitudine, di gioia con le amiche, ci agevola nelle cenette tete a tete organizzate a sorpresa per il nostro uomo, il vino è ‘na filosofia, mica un foulard o un portachiavi!

9.
Le donne comprano a caso e in modo impulsivo.

E che dire di come gli uomini comprano le mutande, i guanti da cucina o le tende di casa? Loro possono fare acquisti alla cazzo e noi no? Ci siamo affinate, e questo je rode, mentre continuano a comprare i calzini bianchi e abbinarli a sandali e mocassini come i crucchi.

10.
Le donne che bevono vino sono molto sicure di sé.

Eh no, miei cari… È che per convincervi che siamo determinate dobbiamo sempre fare finta di imitarvi, tirar fuori le palle e fare le dure e, comunque, state certi che non beviamo vino per imitarvi: casomai per dimenticarvi.