rubriche

Giro fianchi, giro vita, estate e croissant

giro fianchi

Stamattina ho abdicato a favore di un croissant appena sfornato e a sfavore della prova costume.

L’ho fatto e non me ne sono pentita. Che poi le fisime di noi donne, quando si parla di forma fisica, sono le piu’ incredibili dell’universo creato.

C’e`mia sorella col giro fianchi, la mia amica col giro vita, mia cognata col giro braccia ed io col giro completo, nel senso che al giro le ho pensate tutte.
Mai una che si piaccia cosi’ come si ritrova, comprese sedicenni in paranoia per culetti poco tonici. Davvero, ecco cosa mi è toccato sentire in spiaggia:

“Fede, dici che queste sono già smagliature?”

“Ma sei babba, non vedi che sono le righe dell’asciugamano che son 2 ore che ronfi?”

In compenso bisogna dare atto agli uomini che in questo sono molto più easy e stamattina in latteria ne ho avuto le solite conferme.

Puntuali come le zanzare con i primi caldi estivi, sono rispuntate T shirt tesissime sulle panze, il luogo dove cascano i maschi dopo i 40, ma alcuni abbirrazzati anche prima.

Loro sereni come il Dalai Lama al tramonto mentre compone un mandala, sicuri che quegli accumuli si chiamino maniglie dell’amore e maiepoimai trippa. Nostalgici sì dei tempi andati degli ombelichi arrogantemente in vista ma non abbastanza per fare la spola tra sedute di pilates, sessioni di danze bolliwhoodiane o maratone di spinning.

In spiaggia si muovono con l’agio della regina Elisabetta, in pervinca dalla testa ai piedi, ostentando bermudoni con giro vita sotto protuberanze da gestanti alla 24° settimana e con la sicumera del chissenefrega.

Tanto quelli con la tartaruga o sono gay o sono narcisi impotenti.

Dicono loro.

Beati gli uomini e le loro illusioni, diceva sempre una tipa che conosco, che con uno di quegli impotenti ci ha messo al mondo due monozigoti già tonicissimi in sala parto.

Per cui, visto che andare contro istinto, DNA, attimi di personale lussuria o anche solo “non ci vedo più dalla fame” e`impresa da autostalker, ho deciso di restare umanamente borderline.

E visto che dea del giro vita e dea del giro fianchi, alias mia sorella e la mia amica, stamattina piantonavano altre latterie, mi sono fatta insacchettare un secondo croissant ai mirtilli per il languore-non-si-sa-mai-delle-10.

Perché come dice sempre la Mannoia
“Ci fanno compagnia certe lettere d’amore…” e le mie stamattina ho deciso che fossero

G O D O!