italy

Grace and Frankie v/s Don Matteo

Grace

5 motivi per amare Grace and Frankie

Grace and Frankie è una serie Netflix giunta alla sua 4 stagione, in onda da oggi sullo stesso canale. Io ci ho messo qualche puntata ad appassionarmi e poi non sono riuscita più a staccarmi e ho guardato 3 stagioni in 3 giorni.

Ecco perché.

Il coraggio
I protagonisti sono due coppie di ultrasettantenni, uomo-donna uomo-donna, ricchi, interessanti, belli e in piena crisi emotiva, esistenziale e sessuale.
I due mariti (Martin Sheen e Sam Waterston) rivelano alle rispettive mogli di essere gay e di amarsi da una vita. Fanno coming out e si sposano.
Le due mogli (Jane Fonda e Lily Tomlin) ‘impazziscono’, si odiano ma per una serie di circostanze si ritrovano a vivere insieme.
E già l’intro dovrebbe bastare…

Niente nonno Libero e nonna Enrica alle prese con i nipoti “furfantelli” di una famiglia “bonaria”, niente storie strappa lacrime di donne con millemila figli che riescono a sacrificarsi perché loro blablabla.
Niente nonnette “arzille” che il massimo di arzillo che fanno è mettere il rossetto in tinta con le perle di una collana etnica.
Niente serie italiane, insomma.

Qui Grace non ha la ‘vocazione materna’ e beve Martini e Vodka dalla tazza da tè, mentre Frankie si fa le canne in spiaggia e prepara lubrificanti vaginali naturali.
I loro ex mariti si sposano e festeggiano con un toro meccanico in giardino che invece di essere a forma di toro è a forma di pene.
Per intenderci… neanche se Don Matteo fosse uno spacciatore e facesse il dito medio a tutti i paesani, salutandoli con un rutto mentre va in bicicletta, si potrebbe avvicinare a tanto ‘azzardo’.

Con una roba del genere, in Italia, prenderebbero fuoco i copioni, le sceneggiature, gli studi televisivi.

Il sesso
Si parla di sesso. Sesso nella terza età . Non è la prima volta che accade, un esempio meraviglioso è Tutto può succedere con Diane Keaton e Jack Nicholson.
Ma giocarsi un’intera serie su una roba del genere è dura. E qui si entra nel dettaglio senza filtri: sesso, alcolismo, insicurezze e ovviamente, ‘farfalle nello stomaco’.
A 70 anni e passa, ebbene  sì, esattamente come un giovane qualunque. Anzi, di più e meglio di un giovane.
Nella storia, infatti, tra piccoli, grandi drammi e tribolazioni sentimentali, sono i figli delle due coppie a risultare i più anaffettivi.
O meglio, i meno “educati” ai sentimenti.
Touché.

Jane Fonda ha 80 anni.
C’è Jane Fonda, che a 80 anni sta meglio di me che ne ho 30. E parlo della me truccata e pettinata, eh. Merita di essere guardata per rispetto, proprio.

La delicatezza
Si parla di sesso della terza età, vibratori color prugna per donne con l’artrite, gelosie, appuntamenti al buio e malattie terrificanti come l’Alzheimer. Tutto insieme.
E tutto con una leggera e incredibile delicatezza che punta a dire una sola cosa: la vita è meravigliosa.
Che suona banale, detta così.
Ma se sullo sfondo vi immaginate Jane Fonda che, messa in piega perfetta e trucco color cipria, impugna il vibratore color prugna di cui sopra, tutto vi sembrerà più credibile.

Non solo la vita è meravigliosa ma questa fantomatica terza età non va vissuta come un tramonto ma come un’altra fase della vita da vivere esattamente come le altre. È sempre un buon momento per rinascere.
Ed è la stessa Jane – non Grace – ad averlo dichiarato.
E parliamo della Jane che faceva aerobica in tv.
Io le credo. A prescindere.
Inoltre se rinascere vuol dire essere folli anche solo un quarto di quanto è folle il personaggio di Frankie… c’è da metterci la firma.

Phobe
La 4 stagione di Grace and Frankie è già iniziata e si prevede l’entrata nel cast di Lisa Kudrow. Quella di Friends. Phobe.

Per amor del cielo, cos’altro deve fare una serie per convincervi?