adesso!

Sete ‘na manica de cojoni.

propaganda

 

A rega’…. Onestamente?

Sete ‘na manica de cojoni.

In senso bbono, eh?

No, perché me piace che sete tutti hacker, diggital quarche cosa, anonimous d’aa Garbatella…

Poi, er primo ch’ariva co’ ‘na cazzata, abboccate come cefali.

Partimo da l’inizio.

L’artra mattina, un certo Luca Caruso ha fatto sto post che gnente, diceva che ce stava uno che sur Frecciarossa nun c’aveva er bijetto, nun c’aveva er bagajo, nun c’aveva l’inglese fluente, nun c’aveva la pelle bbianca, insomma nun c’aveva ‘n cazzo. E vabbè.

A fine post, dar treno, passa alla pora Pamela, la ragazzetta ammazzata a Macerata, così a cazzo de cane.

E vabbè.

Immagine da https://www.valigiablu.it

Er post diventa virale.

E vabbè.

Sui social se scannano tra razzisti, antirazzisti e trenisti e tutt’ l’artri isti.

E vabbè.

Poi sarta fori che (dice Trenitalia) nun era vero gnente, che er bijetto ce l’aveva e tutt’a pposto.

E vabbè.

Ma, tesori cari… sti gran cazzi der post.

E der bijetto, dell’immigrati, dei treni e de tutto.

‘O sapete quanno scrivete ‘a solita stronzata che ve piace tanto, quella sulla luna e er dito?

Ecco, avete fatto uguale.

Ve sete fermati ar post e ‘n c’avete capito gnente su perché VOI l’avete visto.

Seguiteme bbene, vecchie volpi der uebbe.

‘O sapete sì, che ce sta l’algoritmo, no?

FB ha cambiato algoritmo e mò, pè vede che fa tu’ madre, è mejo se je citofoni.

L’algoritmo te fa vede prima ‘a ggente con cui interagisci: leggasi 20, 25 cristiani.

Mò, Luca Caruso è ‘n bel ragazzo, a me me piace, fa belle foto, c’ha bei vestiti e tutto.

( ahò, famo a capisse… ne parlo solo perché, dato che lui ha fatto la foto al signore in treno dicendo che non gli importava coprirne il volto,  quindi so’ sicura che a lui d’aa privacy nun gliene frega ‘n cazzo…. Cioè, fino a ‘n certo punto, perché infatti ha blindato er profilo, vero Luchino? Bella!)

Dicevo… è ‘n bel ragazzo ma nun è Brad Pitt. Nun so quanti amici c’abbia (te credo, se chiude er profilo…) ma basta vede’ i mepiace alle foto.

8 mepiace, 49, 31, 2…

Parono l’estrazione der Lotto.

Boh… sarà ‘na star su Istagram?

Vai sur profilo (che è pubblico e segnalato da lui stesso, quindi è contento si ce vai).

Lo seguono 844 e lui ne segue 1.822: insomma, segue ggente nella speranza che quarcuno se lo calcoli.

No: nun è ‘na star de Instagram.

Twitter? Si ce sta se fa l’affari sua. O magari c’ha un nick, vabbè.

YouTubbe? Boh…

Concludendo: uno qualsiasi, che fa un post qualsiasi, concludendo ‘na cazzata qualsiasi in un giorno qualsiasi.

Ora ma quer post qualsiasi ma secondo voi… In quanti dovevano vederlo?

La moje, quarche amico, le solite morte de cazzo der uebbe. Le solite 20, 25 persone.

Invece no. 123mila mepiace e un botto de condivisioni.

A Luca Caruso!?!?!?, direte voi.

Eh no.

No.

Pe’ buca’ l’algoritmo de FB, nun basta Luca Caruso.

E manco ‘a gggggente’ o er tam-tam der uebbe.

Pe’ buca’ l’algoritmo nell’arco de du’ ore, ce vo’ gente che ne capisce.

Ce vonno social media manager.

Ce vonno paggine che te condividono.

Ce vonno influencer che ne parlano.

Ce vonno un sacco de cose.

Lo sai sì, che vor dì?

Vor dì che magari Luca era d’accordo (passa’ da foto e post de tre righe a sta filippica è curioso, ve’?) o magari no (massì, era solo ‘no sfogo…) e manco ce ne frega gnente ma è quer post è stato preso e pompato ad arte. Pe’ fa’ vede che i neri nun pagano er bijetto, che so’ cattivi, che so’ pericolosi.

Pe’ divve: ah regà, questi so’ er peggio. Fortuna che mo’ ce stanno l’elezioni.

Ricordatevelo.

Se chiama propaganda.

Ma mica è nova, eh? Seeeeehhhhhhh, figurate!

Ripetete una bugia cento volte, mille volte, un milione di volte

ed essa diventa una verità”.

Pare l’abbia detta Joseph Goebbels: er ministro d’aa propaganda de Hitler.

E si c’hanno fatto sopra ‘na guera mondiale, me sa che c’aveva ragione.

Propaganda.

E quanno voi fate l’indignati e condividete er post, incazzandovi e smadonnandoce sopra, sapete che fate?

Propaganda.

Pe’ loro.

Lo fate pe’ dissociavve, ho capito, ma fate esattamente er gioco loro.

Quello vonno.

Propaganda.

E l’unica è nun condivide gnente, de sta robba.

Che tutte le vorte che condividi un post demmerda, pe’ er gusto de scrivece sotto “Dovremmo estinguerci!”…. je stai a da’ ‘na mano. La fai diventa’ virale. L’aiuti ad aumenta’ la bbolla.

Tu. Proprio tu.

E poi nun te stupì si FB te mette in evidenza sempre più post demmerda de quer tipo.

Sei tu che l’hai condiviso.

L’algoritmo esegue.

Finchè, un giorno, t’arriverà un post che te pare un po’ meno demmerda.

E magari te dici, bè, ma lo sai che mica c’ha torto…

Je metto er like.

E ualà!

Oddio, scusa…!!! Mica t’ho scioccato, ve’?

Lo dicevo pe’ te, pe’ fatte capì come funziona.

Nun è che gnente gnente ancora pensavi che i social servissero a fa’ du’ chiacchere?

No, ve’?

Vero?

VERO?

V E R O ?

V   E   R   O   ?