adesso!

Marielle Franco: cacio, pepe, ajo e polizia militare

Marielle

Aa cacio e pepe, co’ mi madre ‘n mezzo, è sempre ‘n’impresa.

No, è che m’ariva a casa, “te do ‘na mano”, nun se ricorda ‘n cazzo e nella cacio e pepe me ce vò mette l’ajo! L’ajo!!

Dice: ma tu’ madre sta in fissa coll’ajo? Noooooo, ma figurete!

Diciamo che, da regazzina, se Dracula m’annusava se ficcava da solo er paletto ar core: “Armeno moro subbito”.

E gnente, stavamo a discute su sta cacio e pepe quanno sento sta notizia ar tiggì.

Jo dato ‘na testa d’ajo a mamma, armeno stava bbona, e me so messa a sentì.

E c’era sta notizia de sta pora ragazza in Brasile. Marielle Franco.

Che faceva a consigliera comunale a Rio de Janeiro.

Sai de quelle attive, che ‘n se fanno mette i piedi ‘n testa, quelle co’ due palle così ?

Ecco.

Sta ragazza era nata in una favela a Rio (che nun sarà er posto più de mmerda ar mondo ma c’annamo vicino) e mò che era grande diceva quello che succede là dentro.

Soprattutto a guera che stanno a fa la ddentro. E aggressioni e stupri alle donne nere.

Insomma, a quelli che nun c’hanno voce, lei je dava la sua.

Ma, tra che cercavo di seguire e mi’ madre che faceva sta pappetta cor pecorino, l’ajo e l’acqua de cottura, nun ce stavo a capì gnente.

E poi ho capito.

L’hanno ammazzata. 4 corpi in testa.

Mica uno. Quattro.

Potevano facce retromarcia sopra mentre c’erano.

Perché Marielle accusava degli stupri sia i balordi ma pure a polizia militare, che là dentro fa come cazzo je pare. Tanto so’ donne, so’ negre… sticazzi no?

No.

Per Marielle, no.

E lo diceva a tutti.

Faceva casino, denunciava, faceva manifestazioni.

Lei.

Perché quelle pore criste in quer posto der cazzo, mica l’ascolta nissuno.

E così, ieri pare l’abbia beccata un poliziotto corrotto.

E bang.

Bang.

Bang.

Bang.

E mi’ madre… “Eeehhhh e poi se lamentamo noi…”

L’ho guardata e me so’ detta: ma la manno affanculo o je metto a ciotola cor pecorino pe’ cappello?

Certo, che se lamentamo noi!

A parte er fatto che nun c’avremo e favelas ma in certe parti d’Italia semo belli avanti…

Ma che vor di’ “se lamentamo noi”?

Se lamentamo sì. Perché nun volemo fa la fine de quelle pore criste.

Se lamentava Marielle e se lamentamo noi.

DOVEMO lamentasse.

Ora.

Sennò dopo, nun ce fanno lamenta’ più.

E toccherà che arivi ‘n’artra Marielle Franco, a difendece e a fasse ammazza’.

Ve lo volevo solo dì.

E ditelo pure a mi’ madre.

Ma no adesso.

Se sta ancora a leva’ er pecorino da’a’ testa.