rubriche

Manuale per Sopravvivere ai MdF -3: l’Omo Arfa

Care Amiche e care Amiche,

A grande richiesta continua la rubrica/inchiesta di Syndrome Magazine.  Che vi aiuterà – se non a debellare – perlomeno a contenere l’invasione degli MdF. Conosciamo tutte il fenomeno.  Così come i Morti Viventi vagano sulla Terra in cerca di carne fresca, così i Morti di Figa vagano sui Social in cerca di … fresca, diciamo.  Hanno in comune il lento avvicinarsi, il muoversi in mandrie e il verso lamentoso (“mmmmmmbonaaaaaaaaa”).

Come i Morti Viventi, per uccidere i Morti di Figa basta distruggere il cervello.   Ma, essendo quello dei Morti di Figa nelle mutande, più che pistole o mazze da baseball vi serviranno frasi affilate, grinta e solida ironia.

La sola cosa che non vi servirà è la pietà.

Loro non ne avranno con voi.  

 

Stavo a fa’ er sugo.

Sto sempre, a fa’ er sugo.

(Lo faccio perché so’ donna schiava stira e lava?

No. Me piace.

Me piace er soffritto, er vino sfumato, i pommodori, il blub-blub-blubb de quanno coce.

Se me vie’ bene?

No: ‘nammerda.

Perché sto lì, rimuggino, penso, me perdo, metto ‘o zucchero ar posto der sale, brucio ‘a cipolla, butto tutto e ordino dar cinese.

E mi’ marito: “A Lina, bono sto gatto in agrodorce. Ma ‘na vorta che è ‘na vorta, fallo ‘n po’ de sugo no?!”

E gnente…)

Stavo a fa’ er sugo e intanto stavo a condivide un post. Questo:

Che è ‘na bella frase, spiritosa, che si vuoi però te fa’ riflette su la caducità d’aa condizione umana, che porvere siamo eccetera no?

Ma solo ‘na cosa nun avevo carcolato: che c’ho ‘a gnocca.

E quanno c’hai la gnocca, puoi pubblicà quello che te pare che tempo mezzo miliardesimo de secondo…

“ME PIACE!”

Quello è Giova Artafarani. Uno che nun scrive gnente, nun dice gnente, manco ‘na faccina pe’ sbajo.

Mette solo “mepiace”.

Secondo me, c’ha ‘n dito solo.

Un anulare.

Coll’unghia incarnita.

Quindi, le pippe so’ fuori discussione e se sfoga coi like.

 

Dopo un secondo, (er tempo d’anna’ su Google Traduzioni) ‘n artro “mepiace” e commento: “mmmm ma seria fai?”

Cosimo De Crescenzibis, che mette “mmmmm” pure quanno parli de Sarvini ar mare (scusate l’immaggine forte, magari state a magna’… ma era pe’ davve l’idea).

Passa 5 secondi e , da Lupo Solitario, m’ariva sto commento:

Me cojoni.

Apparte che tutta sta robba in 5 secondi, me sa che ce l’avevi scritta prima e la spammi a grandinata , ma… Lupo Solitario?!?  Che cazzo sei, ‘n veterinario?

Vabbè, aringraziamo….

A sto punto, je vado sur profilo.

Frasi epiche (de 300, er film), battute divertentissime (de Woody Allen), pensieri profondi (de Coelho). E tutto spacciato come robba sua.

‘Ee foto? Rubbate e spacciate come sue. ‘A tartaruga de ‘n poro modello americano (“Dovrei fare più ginnastica…”), un letto disfatto co’ sopra ‘na rosa (“Sara, non ti scorderò mai”), ‘no spiderino rosso (“E’ ora di cambiarla ma ci sono troppo legato…”).

L’amici? L’amiche!

‘Na mandria de sgallettate che “Oh, Lupo (faccine, cuoricini, faccine e cuoricini)”.

Eccaallà: l’Omo Arfa.

 

Partimo dar presupposto che, sui social, l’Uomo Alfa vero nun ce sta. All’Alfa nun je ne frega ‘n cazzo de FB. L’Uomo Alfa è affascinante, è sicuro, è ironico, è colto, è carismatico e soprattutto è ufficialmente estinto. Uno, ne era rimasto, l’avevano avvistato Piazza Navona.

Poi la donna che stava pe’ rimorchia’ (solo co’ la forza de ‘no sguardo assassino) s’è messa a guarda’ er video de Young Signorino e, porello, s’è pietrificato.

Ancora sta llà.

No.

Sui social, ce sta l’Omo Arfa.

Arfa perché fa come i cani sull’osso: “arf-arf-arf”.

Ma tornamo a Lupo Solitario.

Mò, nella mente dell’amico dell’animali, la cosa doveva anna’ così…

 

A sto punto, Lupo De Lupis passa direttamente a Messenger.

Che nun esiste ma si per caso dici ‘chi è’, er Lupo Mannaro te tira fori che è un poeta rivoluzionario francese morto ghijottinato ar posto della donna sua.

 

Ecco: a sto punto, nella mente der Lupo daa Steppa, tu te senti ‘n po’ ammirata, ‘n artro po’ desiderata, ‘n artro po’ ‘n te sembra vero de parlà co’ uno co’ quer fisico (grazie ar cazzo, è de Brad Pitt), ‘n artro po’ stai a fa’ er sugo e quindi, secondo lui, alla fine, ‘na foto je la manni.

E poi lui te ne chiede artre 345.

Poi se scopre (a le vorte, ‘aa combinazione) che state n’aa stessa città.

E pijamose ‘n caffè.

E te ritrovi a letto co’ uno de 61 anno, coi carzini spaiati, che vive colla madre e, de Alfa, c’ha solo un’Arna del ’78.

Questo se va bene.

Se va male, finisci nel’archivio del Lupo de TorPignattara e lui te mostra all’amici (leggasi er barista bengalese der Bingo sotto casa, che è l’unico che ancora s’oo fila) come “una che me sto a scopà”.

Quindi, passamo a:

SOPRAVVIVERE ALL’OMO ARFA

Partimo dalla base.

A Lupo Solitario, de te, nun je ne frega gnente.

Vo’ solo portatte a letto (1% dei casi) o fasse ‘na pippa (99%).

Tutte le cose che te dice, l’ha già dette ad artre quattromila. E l’hanno rimbarzato così tanto che pare ‘na pallina maggica. A forza de rimbarza’, je se so’ spostati l’organi interni. Nun c’ha l’occhi marrone scuro: quello è er fegato.

Ma se artre quattromila j’hanno dato er due de picche, ma te chi sei, Madre Teresa de Fiumicino?

Nun devi esse cattiva.  Ma er webbe è o nun è ‘na piazza virtuale? E te, in piazza, te fai rimorchia’ dar primo stronzo?

E allora, dà retta a Lina tua: nun ce vo’ gnente.

L’Omo Arfa è solo uno che se sta a da’ ‘n tono. S’è costruito ‘n’impalcatura e, in cima, ce sta lui.

Ecco: all’impalcatura, basta che je allenti un par de viti.

Ma no in chat privata, eh? Eh no! Primo, perché se pubblichi la chat è corrispondenza privata e finisci pure ‘n mezzo agli impicci. E secondo, perché tutte l’amiche tue che leggono capiscono ar volo e se regolano. Insomma, lo fai p’aa comunità.

Le mejo ‘o seccano subbito.

  1. “Ma grazie mille! Me lo dice sempre pure mi’ marito, te stamo a legge insieme”
  2. “Non sai che bene mi hai fatto. Avevo finito il Guttalax ma dopo ‘ste parole… Grazie!”
  3. “Che bello, non avevo mai avuto un amico gay.”

Sulla 3, lui c’ha tre opzioni: a) se ne va e hai vinto b) dice che non è gay,  gli dai subbito dell’omofobo, tagghi un amico tuo gay, lo spingete alla morte sociale e hai vinto c) dice che sì, è gay, gli dai ugualmente dell’omofobo e hai vinto.

Qui c’è solo una risposta. “Ahò, grazie che me l’hai detto! Io mica vojo soffri’! Te blocco subbito!”.

Lupo dirà una cosa tipo: “No, era per dire, amo parlare con te…”

E tu insisti: “No, no, hai fatto bene. Mò lo dico pure a Chiara MioMio  Adele  Patrizia Patty Marzulli  Serena Syss  (e via via, dalle 10 alle 40 amiche)…  Ragazze, ringraziate e bloccate questo che ci fa soffrire!” e hai vinto.

Il concetto è: a Lupo je serve discrezione ed eleganza? E tu portaje ‘a Curva Sud!

Ah, er profilo!

Fatte un giretto sur profilo de Lupetto nostro. Se becchi ‘na frase familiare, mettila su Google. Te vie’ fori autore, opera e tutto.

E dijelo! Sputtanalo proprio! Davanti a tutti. Che te frega? È lui che rubba mica te!

Le foto? Uguale.

“Lupo, che bella la foto dell’addominali tua. Che me ne manni un’artra?”

E cor cazzo, che te la manna.

E, se la manna, facce caso: è ‘n artra panza de ‘n artro modello.

Pure qui, dijelo.

“Lupe’, bella sta foto? Ma fatte ‘n serfie, no? Che ce metti? Co’ sti addominali de fero che t’aritrovi. Famme vede che so’ curiosa.”

Pe’ quelli che chiamano su Messenger.

Innanzitutto, li mortacci vostra ma come ve permettete? E comunque, basta che sei preparata. Te fai reggistra’ un audio da ‘n amico tuo, basta che c’abbia la voce grossa. Magari prima je dici che hai visto la moje sottobbraccio a uno, insomma deve sta ‘n po’ incazzato. E je fai dì:

“Lina nun ce sta’. Io so l’omo suo. Me voi dì a me o magari s’encontramo de persona che te lo dico bbene?”

Ehhh lo so, è ‘n po’ brutale. Ma questa è ‘n’invasione de Morti de Figa, mica è ‘na passeggiata, oh?

 

Com’è finita co’ Lupo Solitario? Eh. Che me so messa a scrive tutta sta pappardella pe’ voi.

E me s’è ribbruciato er sugo e quindi gnente: gatto in agrodorce.