europe

Milf, Cougar o Gilf?

Conosciamo tutti il famoso slogan “che mondo sarebbe senza Nutella?” ecco, tutti!
Io però ogni volta che lo sento lo trasformo in “che mondo sarebbe senza donne?”, poi immagino una donna con un barattolo di Nutella tra le mani e vado fuori di testa, ma quella è un’altra storia.
Il punto è che oggi alle donne vengono affibbiati una serie di epìteti che proprio non mi vanno giù come Milf, Gougar o Gilf, per definirne età, stato civile e stato di conservazione, come se fossero barattoli di pomodoro. Peccato che la vera essenza delle donne non sia la data di scadenza ma la bellezza interiore!
Ma partiamo dal principio.
Io fin da adolescente, mentre tutte le mie amiche impazzivano per Henry Winkler (Fonzie), riservavo i miei sogni, fatti di baci e passeggiate, a Linda Carter (Wonder Woman), sperando che nell’ennesima giravolta per trasformarsi in Wonder Woman, si teletrasportasse a Canicattì… il mio paese.
Donna coraggiosa che salvava il mondo, indipendente e con un costume che avrei tanto voluto per Carnevale.
Ecco lei sarebbe una milf secondo voi? Una che salva il mondo su stivali col tacco 12 può essere sminuita a una “mamma di Stiffler” che irretisce gli amici del figlio adolescente? Non credo proprio…
La Carter inspiegabilmente non si teletrasportò da me, ma mi scrisse una lunghissima lettera di addio mai arrivata (si sa come funzionano le poste) dove parlava del nostro amore mai vissuto.  La nostra storia fini così e a Carnevale quell’anno sfoggiai un bellissimo costume da orso bruno cucito da mia madre, così, tanto per peggiorare le cose.
Passata la fase Linda Carter mi innamorai di Jennifer Aniston.
Ero molto gelosa per cui non mi dispiaceva affatto che le mie amiche a quel tempo pensassero solo a Brad: potevo così tenermi Jennifer tutta per me. Potevo immaginare noi due limonare su quel bel divano di Friends, litigare per colpa di Ross e andare a fare shopping nella romantica New York anni ’90.
Ma anche quell’amore era destinato a finire, Jennifer si mise con Brad e io ancora adesso mi chiedo cosa ci trovasse in uno così. Voglio dire sarà anche bello, ma dopo un po’ la bellezza stufa no? No eh….
Oggi sono una trentacinquenne che si nutre ancora di sogni, sono felicemente innamorata di Kim Basinger,  ovviamente contraccambiata, e spero venga in vacanza qui a Roma.
Vorrei che si perdesse in zona Trastevere così da poterla salvare e portare a cena.
Ad oggi ho incontrato solo Marina Ripa di Meana e non è scattato quel non so che ecco…. Kim è più simpatica, la simpatia è importante sapete …
Adesso che ci penso queste donne meravigliose erano una Milf, Cougar o Gilf  ma io so che le avrò  amate per ciò che hanno rappresentato per me: forza, intraprendenza ed emancipazione.
Voi chiamatele come vi pare, per me sono semplicemente e meravigliosamente Donne.

Conosciamo tutti il famoso slogan “che mondo sarebbe senza Nutella?” ecco, tutti!

Io però ogni volta che lo sento lo trasformo in “che mondo sarebbe senza donne?”, poi immagino una donna con un barattolo di Nutella tra le mani e vado fuori di testa, ma quella è un’altra storia.

Il punto è che oggi alle donne vengono affibbiati una serie di epìteti che proprio non mi vanno giù come Milf, Cougar o Gilf, per definirne età, stato civile e stato di conservazione, come se fossero barattoli di pomodoro.
Ma non lo capite che la vera essenza delle donne non è nella data di scadenza?

Partiamo dal principio.

Io fin da adolescente, mentre tutte le mie amiche impazzivano per Henry Winkler (Fonzie), riservavo i miei sogni, fatti di baci e passeggiate, a Linda Carter (Wonder Woman), sperando che nell’ennesima giravolta per trasformarsi in Wonder Woman, si teletrasportasse a Canicattì… il mio paese.
Donna coraggiosa che salvava il mondo, indipendente e con un costume che avrei tanto voluto per Carnevale.
Ecco, lei sarebbe una milf secondo voi? Una che salva il mondo su stivali col tacco 12 può essere sminuita a una “mamma di Stiffler” che irretisce gli amici del figlio adolescente? Non credo proprio…

La Carter inspiegabilmente non si teletrasportò da me, ma mi scrisse una lunghissima lettera di addio mai arrivata (si sa come funzionano le poste) dove parlava del nostro amore mai vissuto.  La nostra storia finì così e a Carnevale quell’anno sfoggiai un bellissimo costume da orso bruno cucito da mia madre, così, tanto per peggiorare le cose.

Passata la fase Linda Carter mi innamorai di Jennifer Aniston.
Ero molto gelosa per cui non mi dispiaceva affatto che le mie amiche a quel tempo pensassero solo a Brad: potevo così tenermi Jennifer tutta per me. Potevo immaginare noi due limonare su quel bel divano di Friends, litigare per colpa di Ross e andare a fare shopping nella romantica New York anni ’90.
Ma anche quell’amore era destinato a finire, Jennifer si mise con Brad e io ancora adesso mi chiedo cosa ci trovasse in uno così. Voglio dire sarà anche bello, ma dopo un po’ la bellezza stufa no? No eh….

Oggi sono una trentacinquenne che si nutre ancora di sogni, sono felicemente innamorata di Kim Basinger,  ovviamente contraccambiata, e spero venga in vacanza qui a Roma.
Vorrei che si perdesse in zona Trastevere così da poterla salvare e portare a cena.
Ad oggi ho incontrato solo Marina Ripa di Meana e non è scattato quel non so che ecco…. Kim è più simpatica, la simpatia è importante sapete …

Adesso che ci penso queste donne meravigliose erano una Milf, Cougar o Gilf  ma io so che le avrò  amate per ciò che hanno rappresentato per me: forza, intraprendenza ed emancipazione.
Voi chiamatele come vi pare, per me sono semplicemente e meravigliosamente Donne.