adesso!

Orrore a Sorrento

stupro di sorrento

stupro di sorrento

Non prendiamo sottogamba questa opportunità di crescita per la Nazione. L’idea è semplice e vincente. Noi italiani non ci facciamo parlare dietro nemmeno quando si tratta di stupro.

Guardate cos’è successo alla turista inglese drogata e stuprata da una parte del personale di un noto albergo di Sorrento. Si è organizzato un banchetto, ops, uno stupro di tutto rispetto.

Prima, la droga versata in una bevanda, poi, la violenza ad opera di un paio di uomini che, però, non hanno tenuto tutto per loro. No! Perché le gioie lavorative, come le difficoltà, si condividono. Subito dopo, infatti, è stato il turno di altri uomini del personale.

Questa sì che è organizzazione, capacità di relazionarsi, motivazione all’azione comune. E dove? In una splendida località della penisola.

Bene, l’idea imprenditoriale che vogliamo lanciare è questa. Ci sono molti siti che recensiscono le località turistiche, gli alberghi, i ristoranti ed i servizi annessi. Perché non recensire lo stupro?

Drogata? Sì. 5 stelline. Quanti stupratori? Più di 5? Sì. 5 stelline. Lo stupro è stato ripreso e diffuso? Sì. 5 stelline. E via dicendo.

Questo Paese potrebbe vivere solo di turismo e di arte, lo sappiamo. Valorizziamo i nostri talenti e offriamo alle turiste la possibilità di valutare il bel servizio ricevuto.