adesso!

Quella brutta piaga chiamata ex

Adele

After a love story ends, sooner or later we all dream of being able to tell the person we once loved:

  1. How good we’re doing without them.
  2. How bad we’re doing without them.
  3. How wonderful the person who has taken their place is.
  4. How the hell could they have lost the Heart of the Ocean necklace? It was priceless.

If it really ended badly, either the other person won’t answer the phone or you won’t even have the courage to call.

Then there are people who have the privilege of telling their ex everything that’s on their mind without needing to write pathetic generalized Facebook status updates, which are clearly directed at someone in particular. These people don’t even need to drink seven seven-and-sevens to get the courage to send a melodramatic text, that they pretend was a total accident the next day.

These people are known as pop stars.

The undisputed queen of disastrous love stories is Adele, and she has built an entire sappy empire on the ashes of her old flames.

Let’s get one thing straight, she has a beautiful voice and sweet, simpering lines, but she can’t hide the fact that her songs are a perilous mix of Celine Dion’s melodrama and the doom and gloom of The Smiths.

And the award for the Song I Sing to Everyone but Really It’s for My Ex, goes to… Hello by Adele. In 2015 the song won both Brit and Grammy Awards, an abomination which I think is lost on many.

This is likely the story.

Adele and her man had been together for a while.
She, at some point must have done something completely unforgivable, like:

Slept with so many people that at this year’s Brit Awards she was nearly mistaken for Tom Jones,

Flat out told his mother that her Thanksgiving turkey was so dry that she couldn’t swallow it, or Ironed his favorite shirt and completely ruined the picture of SpongeBob on the front.

Whatever it was, he suffered like a dog, while she continued to flounce around the world touring and shooting magazine covers, without even stepping foot in that shitty town where they both used to live. Then one night back at the hotel after a concert in California, she got really bored and thought… “My poor ex, I bet I really piss him off, and I’m sure he’ll never be able to get over the fact that I screwed him over so badly”. Then she decided to call him.

ON THE LANDLINE.

Who does this? No one has called anyone on the landline since at least 2003.
My grandma doesn’t even call me at home anymore. Not even my great-aunt who has been bringing large bowls of runny potato salad to every Christmas gathering since 1996 calls the house anymore.
There’s only one person who would call you at home any time of day: an Indian telemarketer trying to sell you a fabulous timeshare in Branson, Missouri.

So the fact that Adele calls her ex at home is absolutely fucking ridiculous.

And this guy is probably always holding his smartphone because he’s addicted to Candy Crush. He’s on Facebook 19 hours a day and posts 12 to 26 photos daily on Instagram, but he never answers the landline.

After making the third unanswered phone call, Adele starts to think something’s up, but then she pretends to forget this fact and sings: “At least I can say that I’ve tried


To tell you I’m sorry for breaking your heart


But it don’t matter it clearly doesn’t tear you apart anymore
” and she says it like she’s annoyed.

Because if he really did love her before all this, he could have at least slit a couple of veins, popped a few pills or put a gun to his head.

No, that didn’t happen.

Just silence and a phone that rang out to no one. This egocentric overload disguised as a friendly phone call suddenly makes Adele unbearable.

And since we are not going to let these one-sided heinous acts go down without a rebuttal,

here is the response that Adele’s poor ex never had the chance to give her.

Hello, it’s me.
I was wondering if you could stop calling my house at all hours of the day and night with the excuse that you’re in California and that there’s a time difference or you have jetlag.
I get up every morning at seven and go to my desk job, so please let me get my eight hours of sleep.

Having said this, I will now explain what I have been doing over the past two years, while you were winning awards left right and center and running around the world singing about how terrible you felt because of me.

The first thing I did was remove all newspapers from my Facebook feed, because you were everywhere.

Then I signed up for Spotify. I couldn’t listen to the radio anymore, can you guess why? You were everywhere.

I even stopped watching TV the day they did that special on your concert in the Royal Albert Hall.

My friends have been really great about not bringing you up, but one day my cleaning lady, who doesn’t know about us, started singing Rolling in the Deep while she was dusting; and I started sobbing like a bear cub that wakes up from hibernation before his mother and has no idea how to make it in the world.

At that moment I realized I needed help, mostly because of the weird bear simile that popped into my mind, and so I went to therapy.
My therapist helped me get back to normal with the occasional appropriate inspirational phrase at eighty bucks a week.

I suspect I got better quickly more due to the eighty bucks a week than the appropriate inspirational phrases.

Then one night after going the gym (I joined the gym because the loss of appetite was causing me to lose muscle mass), I met a nice girl. She’s kind, sweet and we started going out.

And now that she’s thinking about moving in, you have started stalking me over the phone. Maybe through some sort of witchcraft that I can’t explain, you knew that I had started seeing someone and it really bothered you.
Knock it off, please.
I’m fine, I’m happy and I don’t miss you.

P.S. Your last album is a real drag. Try to be happy now and then. Give it a go and just see what happens.

Adele
Quando finisce una storia d’amore, presto o tardi il sogno di tutti è poter dire alla persona un tempo amata:
  1. Quanto si sta bene adesso senza di lei.
  2. Quanto si sta male adesso senza di lei.
  3. Quanto meravigliosa sia la persona che ha preso il suo posto.
  4. Dove diavolo ha fatto sparire il cuore dell’Oceano, che valeva una fortuna.
Se però è finita davvero male, l’altro/a non risponderà al telefono, oppure tu non avrai il coraggio di chiamarlo/a.
Eppure esistono persone che hanno il privilegio di poter dire all’ex tutto quello che pensano, senza dover scrivere pietosi status su Facebook finto universali ma in realtà smaccatamente ad personam, e senza aspettare di bere sette rum  per trovare il coraggio di un melodrammatico whatsapp, che il giorno dopo fingerà essere partito per sbaglio.

Queste persone sono i cantanti pop.

Regina incontrastata del raccontare tutte le sue storie d’amore finite male è Adele, che ci ha costruito su uno zuccherosissimo impero.
Per carità, voce super bella e linee melodiche super ruffiane, ma non si può nascondere che le sue canzoni siano un periglioso incrocio in salsa anglosassone tra il melodrammone alla Baglioni e la sfiga cosmica alla Masini.
Nella categoria Canto per tutti ma parlo col mio ex, un posto d’onore è riservato a Hello, brano del 2015, vincitore di Brit e Grammy Award, la cui perfidia credo sia sfuggita a molti.
La storia, presumibilmente, è questa.
Adele e il suo bello stavano insieme da un po’.
Lei, a una certa, deve aver fatto qualcosa di imperdonabile, tipo:
stampargli in fronte un paio di cornine muschiate così ben ramificate che lui si è risvegliato cervo a primavera,
dire senza alcun ritegno alla madre di lui che il suo polpettone della domenica era francamente immangiabile,
stirargli la sua maglietta preferita dal dritto rovinando irreparabilmente la stampa di Spongebob.
Comunque sia, lui ha sofferto come un cane, mentre lei continuava a girare il mondo in tour e a collezionare copertine, senza mettere più piede nella sfigatissima città in cui avevano vissuto insieme. A una certa, risalita in camera dopo un concerto in California, mentre si annoia a bestia, inizia a pensare qualcosa tipo: “Quanto rompo un po’ le balle a quel pover’uomo che niente niente si sarà ripreso dallo smacco delle cornine muschiate che gli ho confezionato”. E decide di chiamarlo.
A CASA.
Ora, sarà almeno dal 2003 che nessuno chiama nessuno a casa.
Nemmeno la nonna ti chiama più a casa. Nemmeno la prozia che a Natale porta una ciotola di insalata russa dal ‘96, ti chiama più a casa.
C’è solo una persona che può chiamarti a casa a qualsiasi orario: l’operatrice di call center delocalizzata a Tirana che vuole estorcerti un cambio operatore.
‘Sta cosa che Adele chiama il suo ex a casa, dunque, è chiaramente una paraculata pazzesca.
E quello, che ha sempre in mano lo smartphone perché è un patito di Candid crash saga, è online su Facebook diciannove ore al giorno e posta quotidianamente dalle 12 alle 26 foto su Instagram, al telefono di casa non risponde mai.
Ma Adele, che pure alla terza telefonata senza risposta qualche domanda in proposito se l’era fatta, finge di ignorare questo fatto notorio e canta: “alla fine posso dire di aver provato a dirti che mi dispiace di averti spezzato il cuore, ma non importa, tanto è chiaro che tu non sei più a pezzi” e lo dice con una certa stizza, tra l’altro.
Perché se davvero l’aveva tanto amata, poteva almeno tagliuzzarsi due venuzze, mandare giù un paio di barbiturici, tirarsi un colpo di pistola a salve.
No, niente.
Solo decorso silenzio e telefono che squilla a vuoto. Questo surplus di egocentrismo mascherato da telefonata amichevole rende improvvisamente insopportabile Adele.
E siccome noi non ci stiamo a mandar giù queste viltà unilaterali senza diritto di replica, ecco la risposta che il povero ex di Adele non ha mai avuto la possibilità di darle.
Ciao, sono io.
Mi stavo chiedendo se la smetterai mai di chiamare a casa a ogni ora del giorno e della notte con la scusa che sei in California, c’è il fuso e c’hai il jetlag.
Io mi alzo ogni mattina alle sette e vado a lavorare a una scrivania, quindi, per favore, le mie otto ore di sonno fammele fare.
Detto questo, ora ti spiego che cosa ho fatto negli ultimi due anni, mentre tu ritiravi premi qua e là e giravi il mondo canticchiando quanto stessi male per me.
Per prima cosa ho rimosso tutte le pagine dei giornali dalla mia Home di Facebook, perché c’eri sempre tu.
Poi mi sono fatto l’abbonamento su Spotify: non potevo più ascoltare la radio perché, indovina? C’eri sempre tu.
Ho anche smesso di guardare Sky il giorno in cui hanno dato uno speciale sul tuo concerto all’arena di Verona.
Gli amici sono stati attenti a non parlarmi mai di te, ma la ragazza che viene ad aiutarmi con le pulizie a casa, che non sa nulla di noi, un giorno si è messa a canticchiare Rolling in the deep mentre passava lo straccio, e io ho cominciato a piangere come un cucciolo di orso che si sveglia dal letargo prima di mamma orsa e non sa come cavarsela nel mondo.
Lì ho capito che avevo bisogno di una mano, soprattutto per quella strana metafora sugli orsi che mi era venuta in mente, e sono andato in analisi.
Il dottore mi ha aiutato a riprendermi, con qualche frase azzeccata e ottanta euro a settimana.
Sospetto di essere guarito in fretta più per gli ottanta a settimana che per le frasi azzeccate.
Poi, una sera, dopo la palestra a cui mi ero iscritto perché l’inappetenza mi stava facendo perdere massa muscolare, ho conosciuto una ragazza carina, simpatica e dolce, e abbiamo iniziato a uscire insieme.
Adesso che lei sta pensando di portare le sue cose da me, tu hai preso a stalkerarmi al telefono. Forse, in qualche modo da strega che non si può spiegare a parole, sei riuscita a capire che mi vedevo con un’altra, e un po’ ti rode.
Falla finita, per favore.
Sto bene, sono felice e non sento la tua mancanza.

 

P.S. Il tuo ultimo disco è una lagna pazzesca. Prova a essere felice anche tu, una volta ogni tanto. Così, per vedere l’effetto che fa.