rubriche

La ricetta della domenica.

 

strudelTengo a premettere che è venuto molto buono. E certo, direte voi, un blobbone del genere fallo pure schifoso e per gustare qualcosa di meglio non ti resta che mangiare direttamente dalla scodella del cane.

Va bene, lo ammetto: non è il soggetto che mettereste in copertina di un libro di dolci da forno.

Ma è il mio primo strudel e gli voglio bene come a uno strudel vero.

Io non amo cucinare (chi l’avrebbe detto?…), mi annoio nel momento stesso in cui apro il frigo e inizio a selezionare gli ingredienti.

Se poi la ricetta è quella di un dolce ho anche l’aggravante non da poco di essere notevolmente golosa e, tradotto in limite pratico, significa mangiarsi mezzo impasto e parte delle decorazioni a metà della ricetta.

Per far meglio comprendere: avete presente quelle confezioni di tortini già dosati che non devi fare altro che aggiungere due uova, miscelare e infilare nel forno?…

Sulla scatola c’è scritto “Quattro tortini”, a me ne vengono a fatica tre.

Tento di giustificarmi dicendo che ste confezioni riportano sempre dosi “a capocchia”, ma la realtà è che durante la lavorazione, a forza di assaggi, uno dei quattro tortini me lo sono già mangiato.

Ne restano tre. E raramente tutti e tre raggiungono il forno.

Alla fine, i due sopravvissuti che riescono a cuocere, restano abbandonati nel piatto perché a quel punto io sono talmente nauseata di dolce che l’unica cosa che metterei in bocca volentieri è una salsiccia affumicata.

Questo strudel è sopravvissuto alla fatica di tre chili di mele da sbucciare e affettare e alla noia della pasta da stendere e arrotolare solo perché il comune dove abito ha attivato da qualche settimana un programma sperimentale di differenziazione dell’immondizia.

Che cosa c’entra, state pensando?… C’entra eccome.
Come e dove l’avrei smaltito un secchione di pezzi di mela, pinoli e uvetta che portano via solo un misero sacchetto di residuo umido ogni due giorni?…

Quindi fra scavare un buco in giardino e occultare l’impasto oppure proseguire nella preparazione del dolce ha vinto la seconda ipotesi.

Quindi, ecco il mio primo strudel.

I COMMENTI DEGLI AMICI…?

Ma è Jabba!

15380485_10211912501036257_3281897145273113917_n

Ehi! Il blob fish, ottimo lavoro!

15230740_10209673771419564_5055446704427291800_n

Ssshhh… Lo strudel ci guarda…

15355770_10211381644804725_4046124344471702557_n

strudelTengo a premettere che è venuto molto buono. E certo, direte voi, un blobbone del genere fallo pure schifoso e per gustare qualcosa di meglio non ti resta che mangiare direttamente dalla scodella del cane.

Va bene, lo ammetto: non è il soggetto che mettereste in copertina di un libro di dolci da forno.

Ma è il mio primo strudel e gli voglio bene come a uno strudel vero.

Io non amo cucinare (chi l’avrebbe detto?…), mi annoio nel momento stesso in cui apro il frigo e inizio a selezionare gli ingredienti.

Se poi la ricetta è quella di un dolce ho anche l’aggravante non da poco di essere notevolmente golosa e, tradotto in limite pratico, significa mangiarsi mezzo impasto e parte delle decorazioni a metà della ricetta.

Per far meglio comprendere: avete presente quelle confezioni di tortini già dosati che non devi fare altro che aggiungere due uova, miscelare e infilare nel forno?…

Sulla scatola c’è scritto “Quattro tortini”, a me ne vengono a fatica tre.

Tento di giustificarmi dicendo che ste confezioni riportano sempre dosi “a capocchia”, ma la realtà è che durante la lavorazione, a forza di assaggi, uno dei quattro tortini me lo sono già mangiato.

Ne restano tre. E raramente tutti e tre raggiungono il forno.

Alla fine, i due sopravvissuti che riescono a cuocere, restano abbandonati nel piatto perché a quel punto io sono talmente nauseata di dolce che l’unica cosa che metterei in bocca volentieri è una salsiccia affumicata.

 

Questo strudel è sopravvissuto alla fatica di tre chili di mele da sbucciare e affettare e alla noia della pasta da stendere e arrotolare solo perché il comune dove abito ha attivato da qualche settimana un programma sperimentale di differenziazione dell’immondizia.

Che cosa c’entra, state pensando?… C’entra eccome.
Come e dove l’avrei smaltito un secchione di pezzi di mela, pinoli e uvetta che portano via solo un misero sacchetto di residuo umido ogni due giorni?…

Quindi fra scavare un buco in giardino e occultare l’impasto oppure proseguire nella preparazione del dolce ha vinto la seconda ipotesi.

Quindi, ecco il mio primo strudel.

 

I COMMENTI DEGLI AMICI…?

 

Ma è Jabba!

15380485_10211912501036257_3281897145273113917_n

 

Ehi! Il blob fish, ottimo lavoro!

15230740_10209673771419564_5055446704427291800_n

 

Ssshhh… Lo strudel ci guarda…

15355770_10211381644804725_4046124344471702557_n