rubriche

Tecnologia portami via, per favore

tecnologia

Qui si parla di un fatto che prima o poi, da figli, tocca tutti noi. Sto parlando di quel momento in cui i tuoi genitori ti usano come help desk per i loro problemi con la tecnologia.

Non so voi, ma io temo di più la chiamata di mia madre “tesoro ho bisogno di aiuto con il computer” di una visita della Guardia di Finanza. I problemi che i nostri genitori si trovano ad affrontare con la tecnologia sono molteplici, qualsiasi apparecchio è potenzialmente fonte di guasti, incomprensioni e stress. Per noi figli.

  1. Tesoro, non capisco, mi si è cancellata in blocco la rubrica del telefono, come posso fare?

Mamma, hai un Alcatel del primissimo dopoguerra con 3 tasti senza blutooth e wifi. Non c’è soluzione, ti sta chiedendo pietà. Eutanasia. Dagli una degna sepoltura, se l’è meritata.

  1. Tesoro, il computer di casa ha qualche problema, non capisco. Puoi venire a dargli giusto un’occhiatina?

Ok. Abbandono i miei figli mi faccio licenziare e sono da te, nessun problema.

Mamma, ti avevo detto di non aprire posta di banche con nomi del tipo “Credito cooperativo del Ciad” o con oggetto “Sei l’erede universale di Jeff Bezos”. Hai preso 7 mila novecento trentatré virus. Torna al punto che precede, eutanasia. Io vado, mi stanno chiamando i servizi sociali.

  1. Tesoro, sto scrivendo al computer le memorie della famiglia, è molto importante, sono al capitolo in cui narro le vicende del trisnonno, morto in battaglia nella Grande Guerra ma poi resuscitato, porello, però aveva la sifilide, sai l’ha fatto uscire di senno …te l’avevo raccontato vero?

Mamma. Sono nel mezzo di una delicatissima trattativa, la controparte è sul punto di cedere…io sono al collasso nervoso… ma dimmi, a parte il trisnonno paceallanimasua…

Come faccio a salvare?

…mamma, vai su file e clicchi salva.

Sei sicura? Sai è importante, il trisnonno.

Quando hai fatto, chiami la Nasa e chiedi conferma. Vedrai che ho ragione. Tua figlia sa il fatto suo, d’altra parte mi hai cresciuto tu.

  1. Tesoro, vorrei tanto poter parlare con i miei nipoti.

Mamma, stanno qui, mi casa es tu casa.

Ma no, la mia amica Clotilde li vede tutte le sere sul computer.

Mamma, userà Skipe, e i suoi nipoti vivono in Qatar.

Ma lo voglio anche io, è stupendo! Come faccio ad averlo?

Mamma ti supplico, non farmi questo, ho superato il videoregistratore negli anni ottanta, il lettore dvd negli anni 90, il computer nel 2000, lo smart phone nel 2010, ti ho installato gli antivirus, ti ho aggiornato i telefoni, ti ho fatto l’home banking, ti ho scaricato le foto, te le ho salvate su chiavetta così le hai potute stampare, ti ho fatto avere la fibra ottica per farti navigare alla velocità delle luce così non vai in ansia che non ti carica la pagina, ti ho messo Raiplay, così puoi vederti Montalbano a loop.

Skype no, abitiamo a 500 metri.

Ma poi, perché tutto questo entusiasmo per la tecnologia, perché???

Adesso vado, mi è parso di sentire le sirene delle fiamme gialle.