adesso!

10 motivi per (non) odiare Laura Pausini

Ogni volta che parlo di lei e della sua musica (chi mi conosce sa che lo faccio spesso) mi imbatto in urla, fischi e boati che manco quando un vecchio parcheggia convinto in mezzo a una rotonda.
Laura Pausini è così: fa parlare di sé da 25 anni e ha una pletora di espertoni musicali che critica le sue canzoni, sonorità, scelte artistiche. E anche la sua costumista (a proposito, ma non è cieca?).
Io la seguo da quando, a 9 anni, mia mamma mi fece il regalo di compleanno più bello del mondo portandomi a sorpresa al suo concerto. Era il 1995, cantavo da sei mesi “La solitudine” in loop e forse lei sperava che andandoci avrei allargato il repertorio.
In più di vent’anni ho raccolto abbastanza indizi per indicarvi almeno 10 motivi VERI per odiare Laura:
1. È stata la prima a fare un sacco di cose che sicuramente meritavano di fare al suo posto certi altri talentuosi gruppi di musica impegnata. Artisti a tutto tondo, dalle sonorità ricercate e dal forte impegno sociale contornato da due cannette prima, durante e dopo il concerto, per essere più artisti maledetti, che caSSo.
2. Ha messo il lavoro al primo posto, aspettando il momento giusto per fare un figlio. Il momento giusto per lei, non per gli altri. Vergognosa.
3. È leggera nel suo presentarsi al mondo, con le sue origini romagnole sempre così esaltate. Che se ride sempre? E poi è pesante nelle sue canzoni che obbliga tutti a sentire alla radio a reti unificate, proprio non puoi cambiare stazione, ommioddio.
4. Canta in italiano, spagnolo, inglese, portoghese. Ma perché non difende le sue radici? Cosa si è messa in testa??? Di unire Paesi e culture diverse nel nome della musica?????
5. Vince un sacco di premi. Anche se fa cagare. Davvero, non ha proprio senso che venga seguita da milioni di persone e sia amata e stimata da colleghi e esperti del settore. Sono tutti deficienti.
6. Ha i fianchi larghi. E non li nasconde neanche. Che faccia tosta.
7. È ricca. Se li è guadagnati sulla pelle di milioni di stolti, mica tutti sono svegli come i follower delle migliaia di competenti e talentuosi influencer in giro per i social. Influencer che non sono mai abbastanza in questo mondo da salvare con tutorial su come mixare il blazer e farsi la french manicure giocando a PES, ricordiamolo.
8. Ci crede un sacco. Cioè, se la tira proprio. Cosa che non farebbe mai nessuno cantando al Circo Massimo davanti a 15.000 persone. A sera. Due sere di fila. Prima di un tour mondiale di 47 date.
9. Sta con un uomo che era sposato con figli. Che si è lasciato anni prima di iniziare una storia con lei. Madonna, incommentabile questa decisione di due persone adulte consenzienti.
10. Le piace il lavoro che fa. E alla nostra pensione chi ci pensa?
E le indennità parlamentari?
E le buche a Roma?
E i Marò?
Nel 1995 capii per la prima volta che, se ti impegni, i sogni si avverano.
Ieri, al Circo Massimo, ho capito che se la gente ti odia a prescindere, i sogni si sono avverati davvero.