adesso!

Nando, TAVevo avvertito!

Allora, contenta ero contenta.

Stammatina ho aperto l’occhi e mi’ marito stava llà cor vassoio d’ aa colazione, ‘na rosa e un ber sorriso; poi avemo fatto 50 sfumature, er kamasutra, l’ars amandi de Ovidio e tutto ner quarto d’ora che mi fijo stava in bagno; mi’ madre esce coll’amiche e nun se fa’ vede; c’ho ‘na serie nova nova da vedemme su Netteflics e a Roma ce sta pure ‘n ber sole.

Che come domenica, dice, mejo questo che un carcio in culo.

Ma chi se l’aspettava de fasse la risata più bella d’aa vita mia?

 

Sarà stata l’una, l’una e dieci, c’avevo er tiggi aperto e stavo a butta’ a pasta.

E ho attaccato a ride… ma a ride… ma a ride…

Me se so’ piegate le gambe, ho battuto er mento sul piano d’aa cucina, ho visto ‘e stelle, me so’ riarzata, ho ricominciato a ride, so’ scivolata e me so’ portata giù la pentola, l’acqua bollente, er sugo, ‘n par de mestoli e ‘na piantina de bbasilico.

Er pavimento me pareva Aleppo.

So’ ari-scivolata e sur frigo m’apparso Alessandro Borghese che diceva: “CapitoLina, bella la location ma la scelta di impiattare a terra è troppo innovativa. Ma col mio voto ribalterò il risultato.”

 

Quanno ho smesso de ride, era finito er tiggi. Peccato, perché quella che m’ha fatto incricca’ ‘a mandibola era proprio ‘na notizia.

Questa.

“DI MAIO: SPIEGHEREMO AI FRANCESI CHE LA TAV NON SERVE.”

E me so’ immaginata ‘a scena…

Di Maio che pija er pullman (che costa poco, fa molto “honestà” e, si nun je ne frega gnente a lui, noi cor cazzo che je pagamo l’aereo) e, dopo 13 ore e mezza, arriva a Parigi.

Domanda a ‘n par de francesi se c’hanno du’ euri p’aa metro.

Conserva i bbijietti.

Arriva all’Eliseo.

E sona.

Lo rimbarza pure er campanello.

Sta tre ore fori a aspetta’.

Piove.

S’accuccia contro ar cancello.

S’addorme.

‘Aa mattina dopo, esce Macron a pija’ er giornale e subbito chiama le guardie:

“Sil vu plè, un scemin a lassè en sacchet de l’humid sur le cancel. Butattelo vù.”

In quer momento, er ‘sacchetto dell’umido’ se sveja e fa:

“Emmanuel! Sono io… DiMaio, il primo ministro italiano!”

“Escuse muà?”

“Emanuele… sono le premier italien!”

“Tuà?…”

“UI!”

“Oh, Notre Dam de la Divin Ignoranz Trasandèe… Date vù en vestì decent a sto mort de famm!”

Pijano a DiMaio, lo porteno dentro, caffellatte e cornetti…

 

E finarmente i due statisti se mettono a parlà, in un salotto tutto affrescato co’ la boiserie fatta pe’ i Reali di Francia.

‘A stessa boiserie che c’aveva er Re Sole quanno comannava mezzo monno e Napoleone quando disse d’attacca’ a Russia e che Hitler dette ordine de nun tocca’ pe’ gnente ar mondo e dove decisero de fa’ l’Europa unita.

E, in mezzo a quer salotto, DiMaio co’ quello sguardo rimmellato, guarda Macron. E je fa:

“Prim Ministr.. avrebbimo deciso che la TAV non la volessimo più fare.”

A quer punto, Emmanuel Macron, Primo Ministro d’aa Francia, uno degli 8 Paesi coll’armi nucleari, capo della francophonie, erede di De Gaulle e dei rivoluzionari che hanno portato la democrazia prima in francia poi in tutto er monno… insomma Macron, lo guarda e dice…

“Eschiuse muà?”

E Giggino Di Maio, co’ sto sorrisetto ruffiano, je fa’:

“E sì… ci abbiamo pensato. Non facessimo più la TAV! Che dici?”

 

Macron se ‘o guarda bbene, ce pensa, serissimo e je fa:

“Eschiuse muà, Prim Ministr Italien… Tu me stà diciand che nu avemm spes hiut miliard de euros… che avemm traforè les Alps comm un colabrod… avemm litigheè pur tre annè… avemm pormess travail a un botto de cristien… avemm sposteè una ligne ferrovier, paschè ce scassavat le pall co l’Italì… che avemm sopportè la corruzion e le maneggiament e la votre mafià… che me so scasseè le maron avec l’inaugurazion de le travail, con ma femm che me dicev ‘Emmanuel c’est tù sbagliè’… e adess vù volè cancelleè tutt quant? C’est giust?”

E Giggino:

“UI’!!!”

E Macron: “Et… Purquà?”

Giggino sorride trionfante e cala l’asso:

“L’hanno detto i quarantamila iscritti del blog!”

 

Macron, a quer punto, abbassa severamente lo sguardo.

E attacca a ride … ma a ride… ma a ride…

Arriveno le guardie, preoccupate, e pure loro attaccano a ride.

Scenne la moje de Macron e comincia a nitrì come ‘n cavallo.

Sona er telefono, Macron risponne, è il Parlamento, je racconta.

Tutto er Parlamento attacca a ride.

I giornalisti nun riescono manco a mannà le mail da quanto rideno.

Tutte ‘e riprese vengono mosse, che i cameramen stanno a morì.

Edizione straordinaria de Le Figaro. Titolo: AAHAHAHAAHAHAH!

Da Parigi alla banlieu ai paesini d’aa Provenza, è ‘na risata unica.

 

Poi, piano piano, Macron respira, s’asciuga l’occhi e se carma.

E guarda Giggino.

E Giggino: “Quindi è sì?”

 

Macron riattacca a ride. Le guardie svengono, la moje scoreggia, la boiserie se stacca e sa dà foco da sola.

Er Parlamento chiude, i giornalisti me moiono due, i cameramen tutti.

Seconda edizione straordinaria de Le Figaro:

“ANCOEUR!!! AAHAHAHAHAHAHAHAH!”

La metro si ferma, la Tour Eiffel si piega in due, cascano per terra le stelle Michelin, all’Operà le ballerine pisciano in scena e Jean-Paul Gautier diventa etero.

Trump twitta: “GIGGINO! What a joke! You’re number one! #M5Scomedy #honesty #pooridiot”

Kim-Jong-Un telefona a Trump e sghignazzano 45 minuti.

A Putin je se inclina la bocca, che pe lui è ‘na risatona.

A Rio fanno ‘n carnevale fori staggione.

A Giggino je squilla er cellulare: je vonno dà er Nobbel p’aa Cazzata 2018.

Dopo du’ ggiorni, se carmano tutti.

E Macron, che è tanto un brav’uomo, guarda Giggino che è rimasto du’ ggiorni immobile cor sorrisetto.

E je dice: “Soulment pur informazion… ma che ce facemm adess co la TAv che è quas termineè?”

E Giggino, pronto: “Una pista ciclabile no!”

E a quer punto, quanno stavano a deportà Giggino su un’isola nei mari der Sudde, è entrato mi’ marito – che se credeva che m’era preso l’ictus- e je racconto ar volo e poi je faccio:

“Nando scusa ma… te che avevi votato?”

“5 Stelle, no?”

 

….E gnente, so’ ritornata seria.