adesso!

A Cateri’, ancora?

Caterina Balivo Ricky Martin
Ci aveva già scritto ieri, proprio riguardo agli exploit della conduttrice di Detto Fatto, e oggi ci ha scritto ancora. Dato che ci piace lo stile un po’… ruspante ma diretto, la ripubblichiamo e diamo così il benvenuto alla nuova autrice di Syndrome Magazine: Capitolina.
Charlie Syns

***

Volevo di’ che, visto che l’artra notte nun ho dormito unca’, ieri sera alle dieci già stavo a letto.

Stammatina me arzo, faccio colazione, pijo er caffè, sigaretta, ar bagno de corsa (ma solo a me, me fa ‘st’effetto? No, ve’?), telefonino e… momenti casco dar trono.

Sai quando t’ariva tu’ marito co’ ‘n fascio de rose in mano? Che dici: “Nun ce credo!”. Ecco, uguale.

Perché apro iutiubb vedo sto video:

Praticamente, ce sta ‘a Bbalivo a casa sua (che graziaddio una a casa può fa come je pare) co’ du’ antenne in testa (ma graziaddio una a casa se veste come je pare) e che guarda Richimartin, che graziaddio eccetera.
Poi, a ‘n certo punto, se sente: “Richi, sei bbono pure se sei frocio”.

Occhei, vabbè, graziaddio una a casa sua ancora dice quello che je pare…

Ma fija mia, se me fai ‘Apemaia ingrifata che je piacerebbe tanto da “guarì” quer frocio de Richimartin, nun me fai ‘a diretta feisbuc o istagramm o che era.
Perché da privato diventa pubblico e magara quarche vaffa t’oo piji, no?

E ‘nfatti…

Diciamo che, se le stelle cadenti fossero de mmerda, pe’ tte martedì sera è stato San Lorenzo.

Però, perché?
Vojo dì, me par(ev)i una seria…
E poi te n’esci fori co’ ‘sta robba. Me sa che due so’ i casi.

Ner primo caso, lì dentro siete in due.
Una Caterina la vedo tutti i pomeriggi, alla tivvù. Caruccia, gentile, pure simpatica. Parli di dieta e cucina (che è come parla’ de pace ner mondo e bombe a grappolo ma vabbè…), de capelli, astrologgia, insomma du’ palle ma de quelle mediche, eh? Però me piace, lo guardo, m’annoio, me diverto e vabbè. Pe’ me, sta Caterina ‘a sera fa i centrini all’uncinetto, cucina cogli avanzi, mette a letto i regazzini e s’addormenta.
Praticamente, Santa Maria Goretti ma col pass d’aa Rai.

E poi c’è l’altra Caterina.
Che se ne sta bbona tutto er giorno. Ma la sera se scatena.
Balla, parla, je vie’ fori l’accento, se fa un par de prosecchi, s’arrapa davanti la tivvù, tuitta, spara cazzate, chiama ‘frocio’ er gatto, ‘zoccola’ la nonna, ‘fijodenamignotta’ l’appendiabbiti… Tanto er giorno dopo chiede scusa.
Praticamente Dottor Gecchil e Mister Aid.
Ma sei de Londra o de Secondigliano?

L’altro caso è che nun lo vuoi capì che, come usi un social, è tutto pubblico.
E’ come in tivvù, anzi peggio: perché sur web t’arisponnono.
Dajela, ‘n’occhiata alla pagginetta feisbuc tua e vedi come t’hanno cucinata.
In questo secondo caso, non sei cattiva.
Semplicemente, sei de coccio.
De travertino.
Scegli te.

A Cateri’, quindi sei de Londra o sei de coccio?
Boh.
Ma da’ retta a ‘na cojona: statte zitta.
Nun dì gnente.
Nun fa gnente.
Butta er telefono.
Licenzia quello che te amministra a paggina.
Disdici i giga.
Taja i cavi sottotera de Fastueb.
Statte zitta.
Armeno fino a fine Sanremo.
Va bene?
Daje.