rubriche

Come abbordare la donna in chat

chat abbordare provarci

donna in chat

Chat.
Dunque, una volta assodato che se rispondi ci stai e se non rispondi te la tiri, esiste una gamma di infinite sfaccettature (stilata dai pipparoli mentali e non, che sprecano tempo ed energie a pensare a queste minchiate).

Anziché dedicarsi, chessò, a brevettare ventilatori per mutande, catapulte per tirare le arachidi al centro della lingua, profilattici col radar per trovare il punto G, inclinazione degli specchi per far risultare il pisello più proporzionato, saponette allo zolfo per piattole e pidocchi, che tanto li hanno collocati nella stessa zona Cesaroni.

Esempi:

– Se rispondi ma concisa, te la tiri ma non troppo, quindi non vuoi che ti si strappi perché la stai già dando a un altro o ne hai tutta l’intenzione. (Troia mirata)

– Se rispondi ma non sempre (perché magari ti fai i falli tuoi o stai lavorando) sei una snob, quindi devi scendere dal piedistallo, e se ci stai sopra è solo per farti vedere gli slip perché sotto sotto sei una maiala impenitente ma non vuoi darlo a vedere. (Troia malcelata)

– Se rispondi ma soltanto lontano dai pasti è perché di certo magni come una scrofa e sei una cicciona di merda, quindi hai tutte le foto ritoccate, anzi pòsti quelle di tua sorella spacciandoti per lei. (Troia-scrofa, sinonimi)

– Se dopo 20 messaggi noiosissimi e petulanti rispondi con un vaffanculo sei un’isterica “ma chi te se pija, acidona-insopportabile-è-solo-la-centotreesima-volta-che-ti-invito-a-prendere-un-caffè, che sarà mai oh! “. (Troia mancata, peggio per te)

– Se rispondi educatamente sei solo una che è in cerca del pollo da spennare e vuoi far vedere che sei una geisha, “ma in realtà in casa non fai un cazzo e “ti devo paga’ la colf, zitella demmerda, macchittevòle”. (Troietta sfaticata, saprei io come farti muovere)

– Se rispondi scherzosamente e non mandi affanculo dopo la seconda volta e mezzo che ti parlano di sesso, allora sei una rizzacazzi “adesso chiamo tutti i miei amici così vediamo se ci casca un’orgia con questa maiala da sbarco, tutte uguali alla mia ex le donne, pfui! “. (Troia Superlux)

Maschi, a richiesta unanime vi rispondiamo in coro: intanto fatevi meno pippe mentali, e poi, se proprio proprio volete risposte adeguate, siate chiari da subito, perché si chiama chat e non chatte (e i francesi sanno cosa intendo).

La chat(te) è mia e me la gestisco io.

 

abbordare chat

Chat.
Dunque, una volta assodato che se rispondi ci stai e se non rispondi te la tiri, esiste una gamma di infinite sfaccettature (stilata dai pipparoli mentali e non, che sprecano tempo ed energie a pensare a queste minchiate), anziché dedicarsi, chessò, a brevettare ventilatori per mutande, catapulte per tirare le arachidi al centro della lingua, profilattici col radar per trovare il punto G, inclinazione degli specchi per far risultare il pisello più proporzionato, saponette allo zolfo per piattole e pidocchi, che tanto li hanno collocati nella stessa zona Cesaroni.

Esempi:

– Se rispondi ma concisa, te la tiri ma non troppo, quindi non vuoi che ti si strappi perché la stai già dando a un altro o ne hai tutta l’intenzione. (Troia mirata)

– Se rispondi ma non sempre (perché magari ti fai i falli tuoi o stai lavorando) sei una snob, quindi devi scendere dal piedistallo, e se ci stai sopra è solo per farti vedere gli slip perché sotto sotto sei una maiala impenitente ma non vuoi darlo a vedere. (Troia malcelata)

– Se rispondi ma soltanto lontano dai pasti è perché di certo magni come una scrofa e sei una cicciona di merda, quindi hai tutte le foto ritoccate, anzi pòsti quelle di tua sorella spacciandoti per lei. (Troia-scrofa, sinonimi)

– Se dopo 20 messaggi noiosissimi e petulanti rispondi con un vaffanculo sei un’isterica “ma chi te se pija, acidona-insopportabile-è-solo-la-centotreesima-volta-che-ti-invito-a-prendere-un-caffè, che sarà mai oh! “. (Troia mancata, peggio per te)

– Se rispondi educatamente sei solo una che è in cerca del pollo da spennare e vuoi far vedere che sei una geisha, “ma in realtà in casa non fai un cazzo e “ti devo paga’ la colf, zitella demmerda, macchittevòle”. (Troietta sfaticata, saprei io come farti muovere)

– Se rispondi scherzosamente e non mandi affanculo dopo la seconda volta e mezzo che ti parlano di sesso, allora sei una rizzacazzi “adesso chiamo tutti i miei amici così vediamo se ci casca un’orgia con questa maiala da sbarco, tutte uguali alla mia ex le donne, pfui! “. (Troia Superlux)

Maschi, a richiesta unanime vi rispondiamo in coro: intanto fatevi meno pippe mentali, e poi, se proprio proprio volete risposte adeguate, siate chiari da subito, perché si chiama chat e non chatte (e i francesi sanno cosa intendo).

La chat(te) è mia e me la gestisco io.