adesso!

Carissima, hai rotto (le palle).

Lo confesso: nonostante tu sia una giovane di successo, mi sei sempre stata poco simpatica. Quella tua chioma bionda e fluente; il tuo atteggiamento sempre un po’ spocchioso, a volte arrogante; il modo di atteggiarti da primadonna davanti alle telecamere. Nemmeno i risultati insoddisfacenti ti hanno tolto quell’aria di superiorità che a noi, che ti seguiamo davanti a uno schermo, trasmette la stessa simpatia dell’essere svegliati con una canzone di Gigi D’Alessio sparata a a tutto volume nelle orecchie. E poi la foto di quell’abbraccio con Renzi che, diciamocelo, ha pure portato sfiga. Ora che sei nell’occhio del ciclone e nuoti in acque agitate, noi donne dovremmo essere solidali con te per un senso di cameratismo al femminile. Eppure non ci riesco. Perché diciamocelo, cara Federica Pellegrini: tu, Magnini e pure la vostra forfora avete rotto le palle.

Con affetto,

La Franty

Lo confesso: nonostante tu sia una giovane di successo, mi sei sempre stata poco simpatica. Quella tua chioma bionda e fluente; il tuo atteggiamento sempre un po’ spocchioso, a volte arrogante; il modo di atteggiarti da primadonna davanti alle telecamere. Nemmeno i risultati insoddisfacenti ti hanno tolto quell’aria di superiorità che a noi, che ti seguiamo davanti a uno schermo, trasmette la stessa simpatia dell’essere svegliati con una canzone di Gigi D’Alessio sparata a tutto volume nelle orecchie. E poi la foto di quell’abbraccio con Renzi che, diciamocelo, ha pure portato sfiga. Ora che sei nell’occhio del ciclone e nuoti in acque agitate, noi donne dovremmo essere solidali con te per un senso di cameratismo al femminile. Eppure non ci riesco. Perché diciamocelo, cara Federica Pellegrini: tu, Magnini e pure la vostra forfora avete rotto le palle.

Con affetto,

La Franty