rubriche

ll Prontuario delle serie tv: La casa di carta

serie

La casa di carta è una figata. Ecco, l’ho detto. Ho fatto proprio il commento tecnico.

Ma solo così si può riassumere una serie spagnola che mette insieme un’ispettrice di polizia tosta, ma in fondo fragile, che deve sgominare l’assalto alla zecca di Stato da parte di una banda di criminali belli e cattivi, ma non così cattivi, in fondo buoni ma non così buoni, tutti infilati in tute rosse e maschere di Dalì, tutti con nomi di città – Tokyo, Nairobi, Berlino, Mosca, Denver – tutti tranne il capo, il Professore.
Il Professore è la mente imbranata ma non così imbranata, il filosofo della rapina, quello che la farcisce di regole di onore e rispettabilità, che la fa sembrare addirittura una resistenza partigiana, il professore calcolatore che non è proprio figo ma in fondo molto figo, imperturbabile ma…

Insomma, La casa di carta ricalca certi personaggi tipici – il cattivo sofisticato, il cattivo bonaccione, il cattivo tonto, il cattivo ingenuo, la cattiva bella e provocatrice, la cattiva bella e tosta, la donna dura ma pronta a sciogliersi – ma nessuno di questi resta troppo chiuso nei confini.
Ogni personalità ha delle sfumature e le donne in particolare sono forti, hanno il coraggio di denunciare, ci tengono alla propria libertà sessuale e emotiva e in più di un caso si difendono, a prescindere dai ruoli buono/cattivo guardia/ladro.
Piccola nota: in più di un momento si affronta il tema dell’aborto in un’accezione forse a tratti un po’ ostentata verso la demonizzazione ma tutto sommato i caratteri femminili vanno oltre gli stereotipi e davvero, ce n’è sempre bisogno.

Insomma La Casa di carta è tutto e il contrario di tutto.
Forse non sfugge a qualche leggero, velato cliché, di tanto in tanto ma del resto, le figate spesso sono anche dei bellissimi luoghi comuni.

Brevi indicazioni per guardare questa serie.

Come
Sdraiati, comodi ma non troppo. Bisogna stare attenti ai dettagli.

Dove
Lontani dalla zecca di Stato. Vi venissero strane idee…

Quando
In un momento in cui avete voglia di rilassarvi e non avete particolarmente bisogno di soldi… vi venissero strane idee.


Finale Bello, enigmatico, in sospeso. Ovviamente è solo il finale della prima stagione e la premessa è che tutto sarà nuovamente messo in discussione: le dinamiche, gli amori, il valore dei soldi, il vostro stesso stipendio… Ma rapinare la zecca non è facile come sembra: non fatevi venire strane idee! 

Effetti collaterali Vi innamorerete di Berlino. Che è uno stronzo. Anzi, proprio perché lo è.
Vi verranno strane idee…