adesso!

Perché voto M5S e perché l’immigrati so’ laziali.

Ciao.

Oggi a Roma ce so’ 36 gradi.

Ma ve ggiuro, m’è venuto freddo.

Me chiamo Lina, c’ho ‘na certa età e sto in Via Leonina, Rione Monti, che all’epoca dei Romani era ‘a Subburra : ce stavano più fiji de ‘na mignotta che sampietrini.

Papà mio faceva er muratore e mamma stava a casa.

C’avete presente le pezze ar culo?

Ecco: noi nun c’avevamo manco er culo.

P’annà aer cesso, usavamo quello de nonno che caruccio, ce lo prestava.

Io c’ho avuto ‘a tabaccheria pe’ ‘n botto d’anni poi l’ho vennuta e i sordi l’a’mo messi da parte. Mò sto a casa, faccio er sugo e guardo i social. Pe’ ditte la botta de vita.

Poi tifo Roma e ho votato M5S.

 

A casa, tifamo Roma da prima che facessero la squadra.

Da regazzina, annavo allo stadio co’ papà mio. Me piaceva.

Poi, a un ber momento, c’è entrata de mezzo ‘a politica: sinistra, destra e tutti ar pronto soccorso.

So’ arivate ‘e spranghe, i cortelli, un par de morti (e fa pure quattro cinque, và).

‘Na vorta co’ papà mio, ho visto uno in Curva Sud tira’ fori ‘a lama e strillà “Laziale, infame, per te solo le lame!”. C’aveva ‘a faccia strana: contenta ma feroce. E lì ho capito.

Pe’ quer cojone, l’artri nun erano persone. Erano laziali.

E pure lui nun era più ‘na persona. Era un tifoso.

Da quer giorno, all’Olimpico papà nun me c’ha più portato.

Così, pe’ i cazzi vostri, ‘a Maggica che me piaceva tanto m’è toccato vedemmela da casa.

 

Tifo Roma e ho votato M5S perché nun so’ radical chicc.

Ho sempre votato sinistra poi vabbè… l’urtimi anni, lo sapemo com’è annata.

E così ho bazzicato un po’, me so’ letta ‘n par de post e poi, a dissela tutta, DiMaio c’ha la faccia da bravo ragazzo. E DiBattista me fa ‘n sangue…

E, sempre pe’ dissela tutta, i 5 Stelle me pareno tanto com’eravamo noi all’assemblee.

Belli, giovani e incazzati.

Quanno a marzo, i 5 Stelle hanno preso er 30% pe’ festeggia’ ho detto: “Mò scenno e me trombo er primo che passa!” Apro la porta e… becco mi’ marito. Pe’ ditte ‘a sfiga.

Vabbè.

E gnente, ero contenta, me pareva che mò sì, mò finalmente, e nammo, e su, e daje!

Poi a Clelia, mi’ sorella, l’ha mollata er marito, er fijo s’è messo co’ ‘na mezza scema e è annata a sbatte co’ ‘a machina. Che te dici, poraccia, ce manca solo che casca in un tombino.

E c’è cascata.

Pe’ falla breve, tra ospedale, pratiche, ‘a ragazza de mì nipote che è scema davero, so’ tornata sui social tipo a giugno.

 

Ho votato M5S perché so’ brava gente.

Ma me so’ persa ‘n pezzo.

A casa mia, democrazia è che comanna chi vince all’elezioni.

Noi avemo preso er trenta percento e chi comanna?

Sarvini.

Che dici boh, ar Movimento Matteo je sempre stato sur cazzo… ma magari è cambiato.

Er contrario.

Sarvini dice, Sarvini fa, DiMaio mio sorride e .. boh, basta credo…

Ma vabbè, Lina, lì è la politica! Stai in Via Leonina, ma te che cazzo ne sai?

E c’hai raggione, che cazzo ne capisco io? L’hai votati, lassali lavorà no?

Poi oggi ho aperto ‘a paggina de Repubblica.

 

Ce stava ‘a foto de sti pori regazzini mortaffogati.

Che disgrazia. Ce stava la foto, l’articolo e tipo 3mila commenti.

Tutte mamme o papà che magari volevano dire quanto je disp-

Oddio.

Oddio, i commenti…

 

A rega’, so’ stata fori due mesi. Mica vent’anni.

Ma che cazzo è successo?

Du’ mesi, ahò!

Pare che semo annati indietro, ar Terzo reich, oppure avanti tipo film de fantascienza.

Cor cazzo.

Tutto vero.

Gente che dice che nun è vero gnente. Che dice che nun è colpa de nessuno.

Gente che è contenta.

Contenta che so’ morte tre creature.

Gente che ha votato M5S, co’ tanto de simbolo ner profilo, più incazzata de ‘n leghista in centro a Mombasa. Tante donne, tutte (chissà perché!) co le foto di cani tipo “Non li abbandonate”, tutte co’ le foto di Dibba tipo santino, tutte… come te posso dì?…. fanatiche cazzo!

Ho detto: me so’ impazzita!

Devo rifa’ l’occhiali.

M’hanno hacherato.

L’inondazione, ‘e cavallette.

E poi ho capito.

 

Tifo Roma e ho votato M5S.

Poi ner tifo è arrivata ‘a politica.

E n’aa politica, è arrivato er tifo.

Sti fiji de ‘na mignotta che so’ contenti che so’morte tre creature… so’ tifosi.

E pe’ loro, l’artri, nun so’ persone. So’ laziali.

Quinni li puoi mena’, accortella’ e quanno so’ morti, li puoi pija’ per culo.

Questo, fa er tifoso.

E questo fanno quelli che commentano così.

Gente che ‘n ce capisce ‘n cazzo de politica.

Che prima ha votato 5 Stelle e mò dà ragione a Sarvini.

Sai chi me parono?

Me parono quelli de Velletri che tifano Juve, perché je piace da vince.

E nun je ne frega ‘n cazzo de gnente: vonno vince.

Danno la colpa de tutto all’artri.

All’immigrati, ai preti, ai massoni, alle lobbi, e tutti i cazzi che se li fregano.

Vonno solo vince.

Ignoranti come l’anima de li mortacci loro.

Quanno nun sanno più che dì, dicheno: “E allora il PD?”

Ambecilli…?

Ma si prima er PD c’aveva er 37%, ma chi lo votava? Mi’ nonno ‘n cariola?

E se prima Berlusconi c’aveva er 40%, ma chi l’ha votato? Eh?

A manica de cojoni che sete contenti perché so’ morti 3 ragazzini, ‘a rincojoniti, ‘a tifosi der cazzo…?

Date la colpa al PD ma lo sapete, sì, di chi è la colpa se stamo messi così?

È colpa de tu’ nonno, che ha votato DC per 50 anni.

È colpa de tu’ padre che ha votato PSI.

È colpa tua, che hai votato Forza Italia.

Ed è sempre colpa tua, che dopo er Berlusca hai votato Renzi.

E mò che Renzi nun t’ha fatto diventa’ ricco, ce stai a provà coi 5 Stelle.

Perché te piace vince, vero tifoso der cazzo?

E, pe’ vince, te le bevi tutte. Come che l’immigrati so’ er Problema.

Anzi, peggio ancora.

L’IMMIGRATI SO’ LAZIALI.

E quindi: daje!

 

Mi chiamo Lina, tifo Roma e ho votato M5S perché volevo l’onestà.

E allora, perché me sto a vergogna come ‘na ladra?