adesso!

A Cateri’, aripijate.

E gnente.
Tutta stanotte a rivortarme ner letto.
Prima perché pensavo a Richimartin co’ tutta ‘sta bbarba, quer culo de porfido, tutti ‘sti muscoli de fora e me dicevo: “Ma perché nun m’hai fatto nasce omo?”
Poi m’è venuta in mente la Balivo che come je vuoi risponde?
Ma che je dici a una che se n’esce co’ ‘sta robba?
Pe’ fattela bbreve, dopo du’ ore ancora giravo, rigiravo, rimugginavo…
Ahò: me toccato scopamme mi’ marito.
Infatti ha funzionato: a metà, me so addormita.
 
***
 
Ma stamattina, aridaje.
C’avevo sto chiodo in testa. Allora ho preso er telefonino e ho scritto.
“Caterina,
sei tanto brava, sei tanto bona, te vedo sempre.
Ma stavorta, l’hai fatta piccola ‘a stronzata.
C’hai presente quer tuittte che ha fatto?
twit balivoC’ho solo ‘na domanda: ma che te dice er cervello?
No dico, ma l’hai visto l’abito?
S’è visto de peggio. Ma tanto.
S’è vista gente co’ le farfalle, senza le mutande ma nun me pare che hai tuittato gnente. Oppure so’ amichette tue e ponno girà pure nude che ‘n te ne frega gnente?
E ‘nnamo su! Er vestito era normale. Da sera ma normale.
No, perché mi’ fija ce n’ha uno uguale. Quindi, praticamente, gli hai dato della zoccola. A mi fija.
Brava.
Nun stai bene, Caterina.
Ma che poi, der vestito, pure stica.
Perché te n’esci che, se una va vestita così, nun può parla’ de privacy?
Tu pure, ci ammorbi tutti i giorni co’ i dolci e co’ le diete, ma mica te vesti da bilancia.
Ma mò sarà colpa d’a Leotta, se gli hanno inculato le foto?
Tutti se li famo, i selfie. Pure te, no?
caterina balivo-4
Appunto.
E te come staresti, se te svuotassero er telefono e te ritrovassi mezza ignuda ner computer de ‘n carpentiere a Canicattì?
Io male.
E pure er muratore, c’ho ‘na cellulite che fermate proprio.
Aspetta ‘n po’… Ma sarà mica perché ‘a Leotta è ‘n pezzo de sorca?
E mò perché è ‘na sorca, je devono rubbà le foto e lei zitta?
Che sarebbe, tipo “se l’è cercata?”.
A regazzi’, io c’avevo 15 anni nel 1977. Me le ricordo, le manifestazioni.
E pure la manganellata che me so’ presa, a 15 anni.
Proprio pe’ nun senticce più dì “Se l’è cercata”. Ma te che ne sai, sei dell’80…
Te posso solo dì che se te, donna, te fosse mai scappata ‘na frase così ner ’77… ma lo sai i calci in culo da tutte l’artre?
Perché io ero ragazzina ma già allora certe cose le capivo.
Che una se poteva pure fa le foto sexy, tipo queste che te sei fatta te
 
caterina-balivo-approda-a-mediaset-266446balivo1    caterina-balivo-president-158132
 
 
 
   
 
 
***
…ed essere ‘na brava donna, ‘na professionista e nun dove’ rende conto a nissuno.
C’hanno, c’avemo, messo ‘na cifra pe’ arriva a ‘sto punto.
E co’ ‘sto tuitte c’hai risprofondato ner medioevo.
Sii brava: abbozza e chiedi scusa.
Dì che c’avevi mal de testa, che t’era morto er gatto, quello che te pare.
Sennò, ‘a prossima stronzata che dici a Detto Fatto, vedi i tuitte che t’ariveno.
Ce conto.”
 
***
 
Questo, j’ho scritto alla Balivo.
Poi ho detto “ammazza che caruccio” e ve l’ho mandato.
Fatece ‘n po’ quello che ve pare.
Io, intanto, stasera me vedo Netflics.
Che, con tutto er bene, ma Sanremo ce l’ha già fatto a peperini.
 
 
 

OE gnente.
Tutta stanotte a rivortarme ner letto.
Prima perché pensavo a Richimartin co’ tutta ‘sta bbarba, quer culo de porfido, tutti ‘sti muscoli de fora e me dicevo: “Ma perché nun m’hai fatto nasce omo?”
Poi m’è venuta in mente la Balivo che come je vuoi risponde?
Ma che je dici a una che se n’esce co’ ‘sta robba?
Pe’ fattela bbreve, dopo du’ ore ancora giravo, rigiravo, rimugginavo…
Ahò: me toccato scopamme mi’ marito.
Infatti ha funzionato: a metà, me so addormita.
 
***
 
Ma stamattina, aridaje.
C’avevo sto chiodo in testa. Allora ho preso er telefonino e ho scritto.
“Caterina,
sei tanto brava, sei tanto bona, te vedo sempre.
Ma stavorta, l’hai fatta piccola ‘a stronzata.
C’hai presente quer tuittte che ha fatto?
twit balivoC’ho solo ‘na domanda: ma che te dice er cervello?
No dico, ma l’hai visto l’abito?
S’è visto de peggio. Ma tanto.
S’è vista gente co’ le farfalle, senza le mutande ma nun me pare che hai tuittato gnente. Oppure so’ amichette tue e ponno girà pure nude che ‘n te ne frega gnente?
E ‘nnamo su! Er vestito era normale. Da sera ma normale.
No, perché mi’ fija ce n’ha uno uguale. Quindi, praticamente, gli hai dato della zoccola. A mi fija.
Brava.
Nun stai bene, Caterina.
Ma che poi, der vestito, pure stica.
Perché te n’esci che, se una va vestita così, nun può parla’ de privacy?
Tu pure, ci ammorbi tutti i giorni co’ i dolci e co’ le diete, ma mica te vesti da bilancia.
Ma mò sarà colpa d’a Leotta, se gli hanno inculato le foto?
Tutti se li famo, i selfie. Pure te, no?
 
E te come staresti, se te svuotassero er telefono e te ritrovassi mezza ignuda ner computer de ‘n carpentiere a Canicattì?
Io male.
E pure er muratore, c’ho ‘na cellulite che fermate proprio.
Aspetta ‘n po’… Ma sarà mica perché ‘a Leotta è ‘n pezzo de sorca?
E mò perché è ‘na sorca, je devono rubbà le foto e lei zitta?
Che sarebbe, tipo “se l’è cercata?”.
A regazzi’, io c’avevo 15 anni nel 1977. Me le ricordo, le manifestazioni.
E pure la manganellata che me so’ presa, a 15 anni.
Proprio pe’ nun senticce più dì “Se l’è cercata”. Ma te che ne sai, sei dell’80…
Te posso solo dì che se te, donna, te fosse mai scappata ‘na frase così ner ’77… ma lo sai i calci in culo da tutte l’artre?
Perché io ero ragazzina ma già allora certe cose le capivo.
Che una se poteva pure fa le foto sexy, tipo quelle che te sei fatta te,
…ed essere ‘na brava donna, ‘na professionista e nun dove’ rende conto a nissuno.
C’hanno, c’avemo, messo ‘na cifra pe’ arriva a ‘sto punto.
E co’ ‘sto tuitte c’hai risprofondato ner medioevo.
Sii brava: abbozza e chiedi scusa.
Dì che c’avevi mal de testa, che t’era morto er gatto, quello che te pare.
Sennò, ‘a prossima stronzata che dici a Detto Fatto, vedi i tuitte che t’ariveno.
Ce conto.”
 
***
 
Questo, j’ho scritto alla Balivo.
Poi ho detto “ammazza che caruccio” e ve l’ho mandato.
Fatece ‘n po’ quello che ve pare.
Io, intanto, stasera me vedo Netflics.
Che, con tutto er bene, ma Sanremo ce l’ha già fatto a peperini.