rubriche

Insonnia: tutte le cazzate che ti hanno raccontato

insonnia

Come si combatte l’insonnia? Questi i consigli (opinabili) dei medici:

1) Cena leggera.
Per quanto mi riguarda, se ho mangiato poco non riesco a prendere granché sonno a causa dei morsi della fame, e rischio di usare il ‘guanciale’ del letto per alzarmi in piena notte, andare in cucina, farlo a dadini, e saltare una carbonara in padella. Francamente non mi sembra una grande idea, soprattutto perché la gommapiuma di notte si digerisce male.

2) Pennichella pomeridiana di 20 minuti al massimo.
Il problema della pennichella non è addormentarsi, ma svegliarsi. Una volta mi addormentai a settembre, una domenica dopo pranzo, e mi svegliarono a dicembre i campanellini della slitta di babbo Natale. Da allora evito il riposino post prandiale; piuttosto, per rimanere sveglia mi metto gli stuzzicadenti agli occhi come Hannibal.

3) Non usare cellulari e tablet prima di addormentarsi.
Pare che l’esposizione alla luce prima di coricarsi non permetta all’organismo di produrre melatonina. Sì, ma io dovrò pur controllare gli accessi del mio ex su WhatsApp, quelli della sua ex-ex, delle sue colleghe, della trombamica e della sua personal trainer, o no?

4) Evitare fumo e alcol.
Sinceramente le più belle dormite me le sono fatte dopo le serate alcoliche con le amiche. Il guaio è che poi, spesso, mi sono svegliata sul divano nel cuore della notte, con ancora indosso stivali e cappotto, le occhiaie nere tipo panda e la bava rosée alla bocca, ma mica staremo a vedere i dettagli dopo una gran botta di divertimento!

5) Evitare caffeina almeno 4 ore prima di coricarsi.
Mi sembra una gran minchiata, quando ero all’università mi bevevo 3 caffettiere da 12 commensali a garganella, per poi addormentarmi profondamente sul libro di anatomia, tanto che ogni volta mi rimaneva sulla faccia l’impronta del segnalibro o della penna, e sembravo un Visitor.

6) Temperatura ottimale dell’ambiente in cui si dorme: 18°.
Mia zia vive a Bolzano, dorme col riscaldamento spento, si addormenta alle 21,30 dopo il programma di Amadeus, e si sveglia alle 10 del mattino, con le stalattiti di ghiaccio al naso, quando il vicino di casa inizia con le lezioni di batteria (praticamente va in letargo, beata lei). Di contro, il mio cugino greco, si addormenta senza problemi sull’amaca in veranda, con 40° all’ombra.

7) Evitare sport prima di coricarsi.
Io non faccio l’amore da non ricordo quando, forse 5 anni, e quello è l’unico tipo di sport concessomi una volta al mese dal mio ex quando tornava dal calcetto, e devo dire che dopo mi addormentavo proprio di brutto, col sorriso sulla faccia. Francamente questa mi sembra proprio una ‘teoria del cazzo’.

8) Coricarsi sempre alla stessa ora.
Come no? Una sera non dormono i figli (se li hai), quella successiva russa il marito (se lo hai), quella dopo i vicini scopano rumorosamente, un’altra fai tardi al lavoro, un’altra ancora tiri lungo a controllare gli accessi su whatsApp…

Vuoi vedere che l’unica regola per dormire bene è non avere regole?