italy

Cosa rimane dei saldi

shopping

 

Amiche, ormai sapete quanto io ci tenga alla moda, e quanto siano strepitosi i miei outfit animal-casual-chic, dove animal sta per peli di cane e casual per pigiama e ciavatte.

Chic perché sarò pure conciata di merda, ma lo faccio con stile. Modestamente.
Comunque. Voglio farvi un regalo.
Ho fatto un rapidissimo giro per SALDI, e vi aggiorno su ciò che potreste trovare sugli stands dei negozi in cui sono entrata, così, nel caso non l’ abbiate ancora fatto, vi avvantaggiate.
Iniziamo con i pregiati capi gran riserva annata ’85-’86, conservati tutto l’anno in barrique di legno di quercia, che vengono travasati in questo periodo sugli espositori per prendere un po’ d’aria, prima di essere nuovamente riposti con cura in cantina fino alla prossima uscita. Solo per veri intenditori.

Le splendide camicie a quadrotti effetto yodelayheehoo, perfette per accompagnare le capre al pascolo in qualsiasi stagione. Disponibili sia da donna che da uomo, sono l’ ideale per trascorrere agricoli aperitivi tète-a-tète in baita.
Segue poi tutta la gamma di bluse in tonalità sottobosco, pozzanghera di fango e melma di fosso, per sentirsi parte integrante del paesaggio post-acquazzone montano. Indispensabili, specie in città umide e paludose.

Menzione speciale poi per le fa-vo-lo-se fantasie floreali degli abiti-tovaglia, da riciclare alla grande come copridivani per la casa in collina, se ce l’avete. Troppo cool.
E ancora, come farsi scappare il poncho frangiato multicolor che t’ insacca fino alle ginocchia? Un must have.
Il sabato sera Kocoum ti citofona e fa:” ‘A Poca, scendi! E sbrigate che c’ ho il carro in seconda fila, eddaje!!!”
“Amò arrivo! C’ ho già il poncho addosso, me devo solo mette ‘a piuma ‘n testa, e ‘nattimo!”.

Se non vi basta, ci sono le intramontabili righe, rombi e geometrie varie, stampate su attraenti magliettine in abbinamento con stilose gonnellone plissettate, tutto rigorosamente nei toni super energizzanti cachi chiaro, cachi scuro, catrame di spiaggia e cormorano impagliato. Da far invidia a tutti gli amici della casa di riposo di vostra nonna.
Imperdibili, il vestito di Pippi Calzelunghe e la maglieria varia in tutte le tonalità del sempre irresistibile arancione in tutte le sue nuances, magnifica soluzione se siete una guida turistica e volete essere certe che il vostro gruppo di Giapponesi non vi perda mai di vista.

Se è la praticità che cercate, allora avete a disposizione un tripudio di mini e maxi-pull in soffice poliuretano espanso, nei mettibilissimi colori macedonia mista, verde Kryptonite e pomodoro pachino, passando per tutta la gamma degli ever cool giallini. Ed è subito Sagra del Cavatello.
Insomma, tutto molto bello.
Sulle taglie poi, avete solo l’ imbarazzo della scelta. Se siete alte 2 metri e 20 o non avete problemi ad entrare nel vestito della Prima Comunione di vostra figlia, siete a posto.

I SALDI non deludono mai le aspettative, sono una certezza.

Sono quello che mi ci vuole per fare pace con il mio guardaroba, che quando ritorno a casa mi pare un po’ meno ‘na chiavica e molto più fashion di prima. Senza rimpianti.
E sono soddisfazioni.