italy

I dieci motivi per cui vale la pena vivere

vivere

Ho appena letto questo decalogo su “Tony Pagoda e i suoi amici” di Paolo Sorrentino (che quando fa il regista si spara le pose da complicato ma quando scrive fa il semplice). Siccome sono una semplice, mi ha fatto sorridere , l’ho copiato e lo condivido. In particolare trovo molto interessante il punto 6) e il punto 4)

Se volete,  aggiungete altri motivi (per carità non seri) per cui vale la pena di vivere.

I dieci motivi per cui vale la pena vivere (secondo Tony Pagoda di Paolo Sorrentino) sono:

1) L’ebbrezza impalpabile di andare a letto esclusivamente con le donne (e/o gli uomini) degli altri

2) Provare a vivere onestamente, non riuscirci, e dire con soddisfazione: però ci ho provato

3) Tornare a casa infelici e inermi, ma privi di sensi di colpa

4) Constatare, con un sorriso, che il down è stato inferiore al picco di eccitazione procurato dall’alcool

5) Decapitare, con sciabola antica, le teste di tutti i genitori ossessionati esclusivamente dall’educazione dei figli

6) Infilare la testa sotto le coperte dopo aver praticato, a intervalli regolari, la nobile arte dell’aerofagia

7) Incontrare per strada persone che si conoscono e non salutarle

8) Dubitare dell’intelligenza delle persone considerate unanimamente intelligenti

9) Scoprire, ma purtroppo non accade mai, che alcuni stanno complottando contro di te

10) Gli occhi asciutti delle madri

Adesso ringraziatemi per aver avuto la pazienza di copiare questo pezzo.

Ora  mettete Stupendo di Vasco  e cantate a squarciagola: “Sì stupendo, mi viene il vomito… è più forte di me”  e cominciate il vostro elenco.
Ok comincio io:

11) gli occhi asciutti dei padri che non abbiamo avuto( lo so, è serio ma consentitemi questa eccezione )

12) Fare la pipì sotto la doccia.

13) Mangiare la Nutella infilando l’indice ed il medio nel barattolo, pensando  “questo e basta” e invece constatare che l’abbiamo finita tutta.

 

Ho appena letto questo decalogo su “Tony Pagoda e i suoi amici” di Paolo Sorrentino (che quando fa il regista si spara le pose da complicato ma quando scrive fa il semplice).

Siccome sono una semplice, mi ha fatto sorridere , l’ho copiato e lo condivido.

In particolare trovo molto interessante il punto 6) e il punto 4)

Se volete,  aggiungete altri motivi (per carità non seri) per cui vale la pena di vivere.

I dieci motivi per cui vale la pena di vivere (secondo Tony Pagoda di Paolo Sorrentino) sono:

1) L’ebbrezza impalpabile di andare a letto esclusivamente con le donne (e/o gli uomini) degli altri

2)Provare a vivere onestamente, non riuscirci, e dire con soddisfazione: però ci ho provato

3)Tornare a casa infelici e inermi, ma privi di sensi di colpa

4) Constatare, con un sorriso, che il down è stato inferiore al picco di eccitazione procurato dall’alcool

5) Decapitare, con sciabola antica, le teste di tutti i genitori ossessionati esclusivamente dall’educazione dei figli

6) Infilare la testa sotto le coperte dopo aver praticato, a intervalli regolari, la nobile arte dell’aerofagia

7) Incontrare per strada persone che si conoscono e non salutarle

8) Dubitare dell’intelligenza delle persone considerate unanimamente intelligenti

9) Scoprire, ma purtroppo non accade mai, che alcuni stanno complottando contro di te

10) Gli occhi asciutti delle madri

ADESSO RINGRAZIATEMI PER AVER AVUTO LA PAZIENZA DI COPIARE QUESTO PEZZO

Aggiungerei anche un

11) gli occhi asciutti dei padri che non abbiamo avuto(lo so, è serio…ma consentitemi questa eccezione)

Ora  mettete STUPENDO di  VASCO  https://youtu.be/ut4CB80sj5Y

E cantate a squarciagola:….sì stupendo, mi viene il vomito……è più forte di me

ok comincio io…

Aggiungo :

12) Fare la pipì sotto la doccia

13) Mangiare la Nutella infilando l’indice ed il medio nel barattolo (pensando  “questo e basta” e invece constatare che l’abbiammo finita tutta)