italy

La verità, vi spiego, sulle Crocs

crocs colorate

In attesa della moratoria internazionale che vieti la produzione industriale delle Crocs oltre il numero 26, l’ONU ha adottato una risoluzione per regolamentarne l’uso a tutela della dignità del genere umano, maschile e femminile. Il regolamento, votato all’unanimità dai Paesi membri del G8, prevede una serie di norme etiche da rispettare per favorire la convivenza tra i popoli e tra i sessi. Anche il noto divulgatore Piero Angela è intervenuto sull’argomento, dedicando una intera puntata di Super Quark per studiare il fenomeno, proponendo testimonianze di vita vissuta e l’autorevole parere di alcuni esperti psicologi. Ecco una sintesi della problematica:

  • sintomi: pigrizia e scarso senso estetico, accompagnato da una grave indisposizione economica; l’utilizzo delle crocs è spesso preceduto dall’adozione di un abbigliamento sportivo, scarsamente curato, che considera il pigiama alla stessa stregua della tuta e prevede l’utilizzo di ciabatte anche fuori dal perimetro casalingo
  • cura: per la disintossicazione, si consiglia di sostituire le crocs con degli zoccoli di legno olandesi, per un tempo minimo di due settimane. L’effetto zampa di elefante è comunque assicurato, ma il piede non ristagna e l’utilizzo di materiali naturali favorisce l’ambiente
  • usi consentiti: le crocs sono utilizzabili unicamente dal personale ospedaliero, possibilmente di colore beige per chi lavora in corsia e verde prato per la sala operatoria. L’utilizzo per i degenti è consentito solo all’interno delle case di cura. Per il resto della popolazione civile, è possibile indossare le crocs solo in caso di giardinaggio spinto.
  • alternative: per una cura omeopatica, è possibile sostituire le crocs con delle infradito alla brasiliana. Per problematiche più complesse, la popolazione maschile può optare per la ciabatta Birkenstock mentre la popolazione femminile è pregata di tirare fuori le scarpe col tacco anche per fare la lavatrice, please.

verità, Crocs,scarpe,abbigliamento,moda

crocs colorate
La verità sulle Crocs

In attesa della moratoria internazionale che vieti la produzione industriale delle Crocs oltre il numero 26, l’ONU ha adottato una risoluzione per regolamentarne l’uso a tutela della dignità del genere umano, maschile e femminile. Il regolamento, votato all’unanimità dai Paesi membri del G8, prevede una serie di norme etiche da rispettare per favorire la convivenza tra i popoli e tra i sessi. Anche il noto divulgatore Piero Angela è intervenuto sull’argomento, dedicando una intera puntata di Super Quark per studiare il fenomeno, proponendo testimonianze di vita vissuta e l’autorevole parere di alcuni esperti psicologi.

Ecco una sintesi della problematica:

  • sintomi: pigrizia e scarso senso estetico, accompagnato da una grave indisposizione economica; l’utilizzo delle crocs è spesso preceduto dall’adozione di un abbigliamento sportivo, scarsamente curato, che considera il pigiama alla stessa stregua della tuta e prevede l’utilizzo di ciabatte anche fuori dal perimetro casalingo.
  • cura: per la disintossicazione, si consiglia di sostituire le Crocs con degli zoccoli di legno olandesi, per un tempo minimo di due settimane. L’effetto zampa di elefante è comunque assicurato, ma il piede non ristagna e l’utilizzo di materiali naturali favorisce l’ambiente.
  • usi consentiti: le Crocs sono utilizzabili unicamente dal personale ospedaliero, possibilmente di colore beige per chi lavora in corsia e verde prato per la sala operatoria. L’utilizzo per i degenti è consentito solo all’interno delle case di cura. Per il resto della popolazione civile è possibile indossare le Crocs solo in caso di giardinaggio spinto.
  • alternative: per una cura omeopatica, è possibile sostituire le Crocs con delle infradito alla brasiliana. Per problematiche più complesse, la popolazione maschile può optare per la ciabatta Birkenstock mentre la popolazione femminile è pregata di tirare fuori le scarpe col tacco anche per fare la lavatrice, please.