italy

Cinque modi (in)utili per smettere di fumare

fumare fumo nicotina

Ecco un’utilissima scaletta di qualche inutile consiglio per provare a smettere di fumare. (Che se fossero utili magari smetti davvero e non c’hai voglia…)

Chewing gum e caramelle senza zucchero

Zero calorie ma anche zero vita sociale. L’aspartame gonfia senza ritegno e non c’è bifidus che possa calmierare la situazione. Le caramelle, se sono alla liquirizia, ti rovinano il lavoro del dentista e fanno salire l’ipertensione. Insomma, chi è davvero tuo amico ti chiederà di tornare a fumare, per il bene di tutti.

 Trovare un buddy

Non un piccolo Bud Spencer (pace all’anima sua), ma una persona disponibile a fare due chiacchiere quando si è in crisi di astinenza.
Dopo poco lo chiamerete per parlare del vostro matrimonio, del senso esistenziale del tutto, e del criceto inappetente.
Se il vostro buddy non si trasforma in Buddha però, finirà per chiedervi 80 euro a chiacchiera, 120 con fattura e iva maggiorata; così, tanto per essere stronzi.

Risparmio

Non comprando sigarette in un anno si risparmia abbastanza da potersi permettere una settimana in una spa di lusso, o un “all inclusive” a Ibiza.
Ma voi non volete la spa di lusso, né Ibiza, voi volete solo fumare.
Quindi andrete in vacanza si, ma tristi.

Impiegare il tempo in qualcosa di alternativo al fumo

Ricordatevi di Penelope, che di giorno tesseva la tela e di notte la sfilava, in attesa del ritorno del suo amato Ulisse. Anche a lei avevano detto “vado a comprare le sigarette e torno”.

Sigarette elettroniche

Per emettere fumo colorato da un apparecchio metallico o partecipate a un film della saga di Star Wars, o siete un drone. Ve la immaginate Rita Hayworth o Frank Sinatra che fanno i fighi con la sigaretta elettronica? Io ve lo dico, questa cosa danneggerà la vostra reputazione, se non si è già compromessa con il gonfiore addominale del chewing gum con l’aspartame.fumare fumo nicotina

smettere di fumare

Ecco un’utilissima scaletta di qualche inutile consiglio per provare a smettere di fumare. (Che, se fossero utili, magari smetti davvero e non c’hai voglia…)

Chewing gum e caramelle senza zucchero

Zero calorie ma anche zero vita sociale. L’aspartame gonfia senza ritegno e non c’è bifidus che possa calmierare la situazione. Le caramelle, se sono alla liquirizia, ti rovinano il lavoro del dentista e fanno salire l’ipertensione. Insomma, chi è davvero tuo amico ti chiederà di tornare a fumare, per il bene di tutti.

 Trovare un buddy

Non un piccolo Bud Spencer (pace all’anima sua), ma una persona disponibile a fare due chiacchiere quando si è in crisi di astinenza.
Dopo poco lo chiamerete per parlare del vostro matrimonio, del senso esistenziale del tutto e del criceto inappetente.
Se il vostro buddy non si trasforma in Buddha però, finirà per chiedervi 80 euro a chiacchiera, 120 con fattura e iva maggiorata; così, tanto per essere stronzi.

Risparmio

Non comprando sigarette in un anno si risparmia abbastanza da potersi permettere una settimana in una spa di lusso, o un “all inclusive” a Ibiza.
Ma voi non volete la spa di lusso, né Ibiza, voi volete solo fumare.
Quindi andrete in vacanza sì, ma tristi.

Impiegare il tempo in qualcosa di alternativo al fumo

Ricordatevi di Penelope, che di giorno tesseva la tela e di notte la sfilava, in attesa del ritorno del suo amato Ulisse. Anche a lei avevano detto “vado a comprare le sigarette e torno”.

Sigarette elettroniche

Per emettere fumo colorato da un apparecchio metallico, o state artecipando ad un film della saga di Star Wars o siete un drone. Ve la immaginate Rita Hayworth o Frank Sinatra che fanno i fighi con la sigaretta elettronica? Io ve lo dico, questa cosa danneggerà la vostra reputazione, se non si è già compromessa con il gonfiore addominale del chewing gum con l’aspartame.