adesso!

“Non gioco più” Disse Matteo a mio figlio

matteo

Mio figlio l’altro giorno ha invitato a casa nostra un amichetto: Matteo.

Aveva invitato anche altri bimbi ma alcuni di questi avevano fatto bisticcio prima e non gliel’hanno perdonata.

Appena in casa nostra il piccolo Matteo ha cominciato a giocare con mio figlio Giggino.

Sapete com’è, non dovrei dirlo ma mio figlio è proprio fessacchiotto. Voleva addirittura leggere le favole. Matteo invece subito ha cominciato ad allargarsi.

Ha preso tutti i giochi di Giggino, per prima una ruspa. Voleva decidere tutto lui.

Guardie e Ladri? Lui faceva lo sbirro. Ha trovato il cappello da poliziotto nell’armadio, l’ha indossato e ha cominciato ad andare in giro per il condominio gridando agli altri bimbi.

Non vi dico cosa non ha fatto con una famiglia che era venuta a vedere un appartamento in fitto… “A casa vostra”  ha cominciato a gridar loro!!

Poi però improvvisamente ha cominciato a dire: “Io con te non gioco più. Tu e tuo cugino Peppino mi fate antipatia. Anzi… Peppino dovrebbe proprio andar via da casa tua. Altrimenti me ne vado io”.

Mio figlio Giggino a quel punto ha chiesto a Peppino di aiutarlo. Peppino (il figlio di mia sorella, buono proprio) invece di impaurirsi come pensavo ha cominciato a scalciare. “Matteo sai che c’è? Non è che mi sei mai stato simpatico, e siccome questa è casa di mia zia io e mio cugino chiamiamo gli altri, facciamo pace e a te non ti chiamiamo più”.

E Matteo: “Vabbè… ma io scherzavo… Peppino per me puoi decidere tu come giocare. Se non ti piace guardie e ladri giochiamo a nascondino. E conta Giggino… no dai… non me ne voglio andare… non chiamare tua mamma… uffa… ora vi rompo tutti i giochi”.

Ora Giggino è in cameretta sua con Peppino e altri bimbi. Chiusi.

Li sento bisbigliare e organizzarsi per un monopoly. Ridono… “Gliel’abbiamo proprio ...”… che linguaggio sti regazzini…

Appena se ne vanno però a Giggino una lavata di capo non gliela toglie nessuno.