adesso!

Settembre, l’estate è finita, e io farò fatica

settembre

Settembre, le vacanze sono finite, si torna alla vita normale, sperando di essersi sufficientemente ricaricati per riprendere la solita routine. Però ci sono cose che farò davvero fatica a fare al rientro.

Pettinarmi: mare, sole, mare, doccia, asciugatura all’aria e coda di cavallo, la beauty routine per capelli sempre puliti e perfettamente a la cazz segnerà il triste ritorno a un inverno fatto di phon con messa in piega “ho-messo-due-dita-nella-presa-style”, piastra, lacca anticrespo… e coda di cavallo. Sì, perché in inverno anche i capelli si ribellano e si intristicono ungendosi 10 minuti dopo averli lavati.

Truccarmi: il trucco è stato abolito non appena la prima idea di tintarella ha iniziato a mimetizzare le occhiaie e ho potuto sfoggiare il mio set da lentiggini e macchie solari, che comunque avrebbero resistito a ogni tentativo di copertura con fondotinta.

Vestirmi: specialmente se in un luogo di mare, gli abiti civili hanno lasciato il posto a pareo e copricostume dai pizzi vedo – non vedo – radiografia inclusa.

Mettermi le scarpe: l’altro giorno mi sono resa conto di essere uscita di casa per andare al supermercato a fare la spesa in ciabatte, le mie fantastiche infradito con fiori hawaiani… sarà durissima tornare alle scarpe chiuse.

La dieta: durante le vacanze ho capito che la prova costume è stata sempre fraintesa. Infatti non si tratta di arrivare in forma alle prime uscite in spiaggia, ma al contrario, di entrare nello stesso costume dell’inizio della vacanza. Infatti, a meno di non aver trascorso le ferie in un monastero tibetano per un mese di meditazione, in vacanza SI MANGIA, ed è sacrosanto che sia così. Sagre, gelati, piatti tipici dolci, salati (e poi di nuovo dolci), se non tornate a casa almeno con 4 chili in più qualcosa non ha funzionato*. Tanto poi per ricomprare dei vestiti capienti per riprendere l’aereo ci sono i Saldi, ed eventualmente, se proprio ne sentite il bisogno, potete cimentarvi in una bella processione di paese, che in estate non mancano mai, per smaltire qualche grammo e mettervi a posto con la coscienza.

 

*NDRNel cercare la corretta grafia della parola hawaiani il primo suggerimento di Google è stato hawaiani obesi. Questo conferma la teoria: se vivi in un luogo di perenne vacanza, il tuo destino è inevitabile